lunedì, Settembre 27

In arrivo la prima Barbie con il hijab L' azienda produttrice ha svelato che la bambola avrà le fatezze di Ibtihaj Muhammad, campionessa americana di scherma

0

Il 13 Novembre, in occasione del Glamour Women of the Year, l’ azienda produttrice di Barbie, la Mattel, ha svelato in anteprima una novità pronta a sbarcare sugli scaffali di tutti i negozi di giocattoli:  la prima bambola con il hijab, ispirata alla campionessa statunitense di scherma Ibtihaj Muhammad, medaglia di bronzo nella sciabola a squadre ai Giochi Olimpici di Rio del 2016.

La ‘Barbie con il hijab’ rientra nella linea Shero, inventata dall’ azienda con l’ intento di offrire alle bambine di oggi modelli di donne vere, di successo, esempi di eccellenza. In questa linea, sono entrate a far parte Barbie con le fattezze dell’ atleta olimpica Gabby Douglas, della modella Ashley Graham della prima ballerina per l’American Ballet Theatre, Misty Copeland.

Attraverso un post sul proprio profilo Instagram, è stata la stessa Ibtihaj Muhammad ad annunciare la novità in casa Mattel: «Grazie Mattel per avermi annunciata come ultimo membro della famiglia Shero! Il programma Barbie Shero riconosce le donne che superano i limiti per ispirare le nuove generazioni di ragazze, per questo sono così emozionata all’idea di fare parte di questo gruppo di donne incredibili. Sono orgogliosa del fatto che giovani ragazze da ogni dove oggi possano giocare con una Barbie che sceglie di indossare l’hijab! È il mio sogno di bambina che diventa realtà».

Oltre al hijab, Ibtihaj Muhammad ha richiesto che la bambola rispecchiasse fedelmente il suo fisico da campionessa e l’ eyeliner nero. “Barbie celebra Ibtihaj non solo per quello che la fa risaltare. Ibtihaj è una fonte di ispirazione per un numero incalcolabile di ragazze che non si sono mai viste rappresentate e, nel dare valore alla sua storiaha spiegato la vice presidente della sezione global marketing di Barbie, Sejal Shah Miller.

La Barbie-Muhammad sarà disponibile a partire dal 2018  nella versione con l’uniforme olimpica, con la sciabola e, in una seconda versione, con un’ elegante veste floreale.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->