martedì, Settembre 28

Ecco…la frittata estiva Il rituale (che non manca mai) della famosa frittata sul mare

0

Agosto a Roma per dei piccoli lavori a casa ed ecco che ci viene in mente il film “Domenica d’agosto” di Luciano Emmer del 1950.
C’e chi va al mare ad Ostia in bicicletta, c’e’ chi ci va in treno o con la propria macchina insieme a tutta la famiglia, c’e’ chi va alla spiaggia libera in cui il pic nic è libero e c’e’ chi va allo stabilimento di lusso e mangia al ristorante. C’è chi cerca e trova l’amore della sua vita c’e’ chi invece finisce una storia che per troppo tempo andava avanti!
Tutto questo è ‘Domenica d’agosto’ in cui succede di tutto, in cui non succede nulla, tante piccole storie con attori ‘presi dalla strada‘ come si conveniva in epoca neorealista. Vi è la famosa sequenza della frittata estiva, che molti ricorderanno.
Il Lido di Ostia è pronto ad accogliere tutti, ricchi e poveri anche se una rete divide la zona dei primi dai secondi. Per i poveri la gita inizia alla mattina presto, con la preparazione dei cibi da caricare sulla macchina, pentole, tegami, pane, tovaglie, vino Frascati e tutto quello che serve per mangiare sulla spiaggia.
Il pranzo dei ricchi è al ristorante ma il cibo si intravede appena, mentre il pranzo dei poveri….

(tratto dal canale ‘Youtube‘, con video di un utente)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->