mercoledì, Aprile 14

Ecco i nuovi robot militari degli Usa

0

I Marine americani potrebbero dispiegare una serie di tecnologie militari futuristiche in tempi brevi. Tra questi nuovi marchingegni ci sono dei speciali robot che possono essere usati sulle spiagge per evitare il primo impatto di un possibile attacco, così come dei motoscafi che si trasformano immediatamente in piccoli sottomarini che evitano l’individuazione da parte del nemico.

Le prove sono state effettuate nelle ultime due settimane dai Navy Seals e dal Corpo dei Marine. In particolare sono state testate 50 nuove tecnologie al Camp Pendleton. Si sta cercando di capire come i militari possano sfruttare gli ultimi progressi tecnologici per mare ma anche sulla spiaggia dove potrebbero potenzialmente sbarcare i nemici.

Alla luce delle tensioni crescenti in tutto il mondo, questi test son ostati definiti fondamentali, visto che dalla Seconda Guerra Mondiale l’attacco per via mare è notevolmente cambiato. Gli avversari ora possiedono una tecnologia che rende difficile – se non impossibile – sorprenderli con un’invasione anfibia su larga scala. Anche un ragazzo con un account di social media potrebbe inviare un’immagine che suggerisce che le forze stanno tentando un approccio segreto, rendendo le operazioni segrete molto più difficili.

Utilizzando la più avanzata tecnologia, si possono aiutare i marines a creare un’invasione sulla spiaggia e fare in modo da ridurre significativamente il rischio per la vita dei marines rispetto ai tempi passati. I robot e i droni quindi risultano fondamentali, visto che possono essere controllati da remoto ed evitare che gli uomini siano in prima linea.

Progettati da General Dynamics, i Multiutility Tactical Transports (MUTTs) sono intelligenti robot ATV, sui quali sono montati mitragliatrici ma anche altre armi. Eccone un esempio.

 

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->