mercoledì, Ottobre 20

Ecco i nuovi gadget usciti nel 2017 Un anno di novità tecnologiche

0

Diversi sono stati i gadget tecnologici di successo nel 2017. Nintentdo Switch, il gioco in locale, con due utenti e un joy-con a testa, è stato uno dei successi del tech di quest’ anno, con 10 milioni di pezzi venduti. Yoshiaki Koizumi di Nintendo ha dichiarato: «Sento che è ancora troppo presto per parlare del nostro successo. Al contrario, sento che siamo ancora sulla strada per arrivare a quel successo.Ci piacerebbe vedere molte più persone provare queste esperienze e credo che possiamo arrivare a quel punto». Nintendo – ha detto Koizumi – sta «provando a farlo aumentando i nostri rifornimenti. Vogliamo che più gente abbia questo tipo di esperienze, quindi è questo ciò per cui stiamo lavorando».

Poi Iphone X, ultimo di casa Apple, con Super Retina HD, dotato di Multi‑Touch OLED all‑screen da 5,8″ , ottime performance e potenti tecnologie integrate che supportano le capacità visive, uditive, fisiche e motorie. Non poteva mancare lo Spark Drone, uno dei droni più famosi, che monta una fotocamera con sensore da 1/2.3″ a risoluzoine 12 MP, può essere pilotato anche attraverso tablet o smartphone.

Jimu Astrobot dell’ Ubtech , un piccolo robot spaziale con grandi occhi incorniciati da LED e con uno speaker bluetooth integrato capace di riprodurre musica o qualsiasi file audio.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->