martedì, Maggio 18

Ecco Bloodhound, l’ auto supersonica 13 metri di lunghezza, può superare i 1600 chilometri orari

0

Bloodhound SSC (Super Sonic Car) è il nome di un’ auto supersonica inglese, di quasi 13 metri di lunghezza, alimentata da un motore a reazione e un motore a razzo prodotto dall’azienda aerospaziale norvegese Nammo per superare le mille miglia orarie (circa 1600 km/h). Il veicolo si prepara a fare la sua prima corsa, se dovesse riuscire, potrebbe battere il record detenuto dal Thrust SSC.

Il progetto del Bloodhound nasce a Londra nel 2008 con l’obiettivo di creare un veicolo terrestre capace di raggiungere le mille miglia orarie di velocità su terra. Nel progetto sono sinora stati investiti quasi 40 milioni di dollari.

Nella sua prima uscita pubblica, il 26 ottobre 2016, la Bloodhound, messa in pista dal team coordinato dall’ingegnere capo Mark Chapman, da Richard Noble e dall’aerodinamico Ron Ayers.  e guidata da Andy Green, non è andata oltre le 200 miglia/orarie per 9 secondi, ma le sue potenzialità sono ben superiori.  Il test si è svolto presso l’aeroporto di Newquay in Cornovaglia che è una ex-base della Raf, una pista troppo corta per il record. Anche il marchio britannico Belstaff  ha annunciato la partnership con il Bloohdhound Project e, per festeggiare il veicolo Bloodhound SSC, ha realizzato una giacca a quattro tasche in edizione limitata e un particolare paio di occhiali.

(Video tratto dal canale Youtube Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->