lunedì, Maggio 16

Ebrei ed ebraismo in Ucraina e Russia Forse presto Ucraina e Russia inizieranno a negoziare a Gerusalemme con Israele mediatore. Al centro di questo tentativo di medizione, il patrimonio ebraico dei due contendenti e quello russo del mediatore

0

La Russia ha manifestato disponibilità a tenere negoziati con l’Ucraina a Gerusalemme. La notizia è stata riportata dal ‘Jerusalem Post‘, citando fonti diplomatiche, interpellate dopo la telefonata tra il premier israeliano Naftali Bennet e il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Ciò dopo una settimana di lavori diplomatici condotti dai vertici israeliani.
Secondo molti osservatori, Israele potrebbe essere un buon mediatore, sia per ragioni politiche, sia soprattutto per ragioni culturali-religiose.

Al centro di questo tentativo di medizione, il patrimonio ebraico dei due contendenti e quello russo del mediatore.
Per quanto attiene al mediatore,
Israele ha una grande popolazione di lingua russa. Dalla caduta dell’Unione Sovietica fino alla metà degli anni 2000, più di un milione di immigrati è arrivato dall’ex Unione Sovietica in base alla ‘Legge del ritorno’ di Israele, che consente a qualsiasi ebreo, o chiunque abbia almeno un nonno ebreo, di ottenere la cittadinanza per se stesso e per la sua famglia. Secondo dati statistici del 2011, Israele ospitava un nucleo di popolazione ebraico-russa di 900.000 e una popolazione allargata di 1.200.000.
Nei giorni scorsi,
Israele, attraverso il Ministro dell’Interno, Ayelet Shaked, ha comunicato che è inizialmente pronto ad assorbire fino a 100.000 ebrei e le loro famiglie allargate sia dalla Russia che dall’Ucraina. Intanto più di 14.000 persone provenienti da Russia e Bielorussia stanno facendo domanda di visto o hanno manifestato interesse a farlo, e 1.400 hanno già ottenuto l’approvazione delle loro domande di visto dall’inizio della guerra.

In Ucraina vivono decine di migliaia di ebrei, il che fa del Paese la sede di una delle più grandi comunità ebraiche del mondo, una con una storia complicata, contaminata da persecuzioni e sconvolgimenti.
Un punto demografico della presenza ebraica in Ucraina lo ha fatto nei giorni scorsi il ‘Times of Israel‘.
Alla vigilia della seconda guerra mondiale, si ritiene che in quella che oggi è l’Ucraina vivessero circa 1,5 milioni di ebrei, nonostante secoli di antisemitismo e pogrom avessero ridotto le popolazioni ebraiche in sacche dell’Europa orientale. «Circa 1 milione di quegli ebrei furono uccisi durante l’Olocausto, ma un censimento del 1989 stimava che quasi mezzo milione vivesse in Ucraina nel 1989, prima della dissoluzione dell’Unione Sovietica. Sotto il dominio sovietico, gli ebrei furono perseguitati e inoltre gli fu negato il diritto di emigrare, costretti a nascondere gran parte della loro pratica religiosa in una società piena di antisemitismo. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, quasi l’80% di quegli ebrei partì per Israele e altrove. Molti di coloro che sono rimasti sono anziani e poveri, e altri sono scollegati dalla loro eredità ebraica, forse dai decenni di persecuzione».
Nel 2020 uno studio demografico sugli ebrei europei stimava «il numero di ucraini che si identificano come ebrei in 43.000. Ma alcune stime di persone con origini ebraiche quadruplicano quel numero». La stessa indagine sottolinea che «oltre a una popolazione ‘nucleare’ di 43.000 ebrei, circa 200.000 ucraini erano tecnicamente idonei per la cittadinanza israeliana, il che significa che avevano origini ebraiche identificabili. IlCongresso ebraico europeo afferma che il numero potrebbe arrivare a 400.000».

La maggior parte degli ebrei ucraini vive nelle città più grandi del Paese, ma alcuni, soprattutto gli anziani, vivono in città più piccole e in villaggi interni e poveri. ‘Times of Israel‘ segnala un elenco dei centri a maggior presenza ebraica, sottolineando che si tratta di una elenco non completo.
«
Kiev: la capitale dell’Ucraina, con quasi 3 milioni di abitanti, ospita circa 110.000 ebrei e una mezza dozzina di sinagoghe attive.

Dnipro:questa città orientale, che era vietata ai civili non autorizzati durante l’era comunista a causa dei suoi molteplici complessi militari, ora conta circa 60.000 ebrei, secondo i dati comunali. Ospita ristoranti kosher, una sinagoga, un mikvah e diverse attività commerciali di proprietà di ebrei, e nel 2012 è terminata la costruzione di un edificio di 22 piani a forma di menorah.
Kharkiv: questa città industriale vicino al confine russo è una delle più grandi dell’Ucraina e circa 45.000 ebrei la chiamano casa, secondo le statistiche della comunità.

Odessa: questa città portuale del sud di circa un milione di persone ha circa 45.000 ebrei, secondo le statistiche comunali, quattro sinagoghe attive, un museo ebraico, due centri della comunità ebraica e non meno di una dozzina di scuole o asili ebraici. Ospita anche quattro orfanotrofi per bambini ebrei, gestiti dal movimento chassidico Chabad-Lubavitch. Alla fine del XIX secolo, gli ebrei costituivano oltre un terzo della popolazione della città.

Uman: questa piccola città ospita la tomba del rabbino chassidico Nahman di Breslov del XVIII secolo, che attira dieci di migliaia di ebrei chassidici in un pellegrinaggio annuale di tributo. Ma alcune centinaia di ebrei, per lo più israeliani, ora vivono lì tutto l’anno.

Leopoli: questa città occidentale, vicino alla Polonia, ospita alcune piccole comunità ebraiche di 100-200 persone ciascuna».

Secondo le stime del 2016 condotte dal demografo dell’Università Ebraica Sergio DellaPergola, la Russia ospiterebbe 179.500 ebrei e comprende la settima comunità ebraica più grande del mondo. Uno studio del 2020 condotto dall’Indipendent Levada Center, ha stimato in molto variabile il numero di ebrei in Russia: da 200.000 a 1 milione. Di questa popolazione, gli ebrei ortodossi sono una minoranza.
Nonostante i ripetuti casi di antisemitismo nel corso dei secoli, l’ebraismo russo ha profonde radici storiche nel Paese. Gli affiliati russi del Congresso ebraico mondiale sono il Congresso ebraico russo e la Federazione delle organizzazioni e comunità ebraiche della Russia.

Le prime informazioni sugli ebrei in Russia risalgono al tempo della conquista di Khazar Kaganate da parte di Svyatoslav. Nel 1776 gli ebrei ottennero il diritto di avere i propri beni e di praticare la loro fede. Nel 1791, con decreto di Caterina II, gli ebrei ricevettero le Pale of Settlement (Bielorussia e Novorossiya). Le comunità ebraiche sono emerse nelle principali città prima del XIX secolo. Negli anni del potere sovietico la maggior parte delle sinagoghe furono chiuse e i rabbini arrestati. Oggi le sinagoghe si trovano in quasi tutte le principali città.
Per secoli gli ebrei ashkenaziti rivendicarono l’impero russo come loro casa, ricostruiscono gli storici. Dopo una storia di pogrom, antisemitismo imposto dallo Stato nell’Unione Sovietica e grandi ondate di emigrazione negli Stati Uniti e in Israele, l’era post-sovietica con la sua democratizzazione della politica ha riportato in Russia molti ebrei emigrati negli anni ’70 e ’80 per avviare attività.

Nel 1996 è stato lanciato un Congresso ebraico russo come organizzazione ombrello per tutti gli ebrei russi, sia laici che religiosi. Centinaia di rotoli della Torah sono stati restituiti alla comunità da musei e depositi di tutto il Paese. Gli Shuls furono riaperti, ricostruiti, rinnovati. Oggi ci sono negozi kosher a Mosca, e il Rabbino Capo della Russia, Berel Lazar, è un ospite frequente delle cene di Stato di Putin. Eppure, negli ultimi anni, dal ritorno di Putin al Cremlino nel 2012, la Russia è stata caratterizzata da un aumento dell’immigrazione ebraica in Israele, circa il 45% in più nel 2018 rispetto all’anno precedente. Lo studiodell’Indipendent Levada Center del 2020 rilevava«l’antisemitismo debole o assente come politica statale russa», pur sottolineando che considerava il fenomeno «eccezionale o addirittura ad hoc e temporaneo». 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->