domenica, Settembre 26

EasyJet: buoni risultati dopo un trimestre in rosso

0

EasyJet lancia i primi segni di ripresa dopo aver chiuso il primo trimestre 2016 in rosso a causa degli attentati di Sharm el-Sheikh, Parigi e Bruxelles, che avevano fatto segnare un brutto calo nelle vendite del settore dei trasporti turistici. A Marzo la società aveva segnato una perdita di 30 milioni di euro, facendo dubitare gli addetti ai lavori in una possibile ripresa nei mesi successivi.

La nota compagnia di air bus al fine di recuperare del brutto periodo finanziario si è concentrata sulla porzione dei viaggi per i prossimi mesi estivi ed n particolare modo sulle località italiane, spagnole e greche, che hanno fatto segnare un primo aumento dei dividendi.

Fondata il 18 ottobre 1995 EasyJet è una compagnia aerea britannica meglio nota come EasyJet Airline Company Limited con sede centrale presso la stazione aeroportuale di Londra-Luton. Il proprietario del pacchetto maggioritario di azioni della società è l’affarista di origini greche-cipriote Stelios Haji-Ioannou, che gestisce oltre ad una buona fetta del cosiddetto easyGroup, anche easyHotel, easyCar, easyInternetCafe e easyCruise.

La compagnia copre circa  675 rotte ed è presente in quasi tutti gli stati membri dell’Unione Europea, in quelli presenti nel continente, ma che non fanno parte dell’Ue come Norvegia, Serbia, Islanda e Svizzera e da po tempo serve anche paesi extra-continentali come l’Egitto, il Marocco, la Giordania, lo Stato d’Israele e la Turchia.

(fonte video tratta da canale YouTube ‘Euronews Business‘)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->