venerdì, Aprile 16

E’ tutto suo

0

pse-renzi-per-pd-giorno-speciale_bf0cb84a-a150-11e3-a8bf-46453d13a096_display

Facciamo chiarezza. Che è la prima, e più importante, forma di igiene mentale. Matteo Renzi ha vinto, è padrone di tutto. Partiti: suo e altrui. Istituzioni: Parlamento, Governo, Presidenza della Repubblica, annessi e connessi. Opinione pubblica: come evidente da Elezioni Europee, sondaggi e, soprattutto, percettibile consenso. Rapporti Internazionali: vedi il vittorioso blitz prolungato che ha portato Federica Mogherini alla guida della diplomazia dell’Unione Europea, e, conseguentemente, anche alla Vicepresidenza della Commissione. E tutto il resto. E’ probabile goda di schiaccianti maggioranze anche nel Capitolo Generale francescano e nell’Associazione Amministratori di Condominio.

E allora dire e scrivere, come fanno gran parte di Giornali e Telegiornali sull’Articolo 18, che “Vince Renzi”, è delicato eufemismo. Renzi, come da facili previsioni, non ha solo vinto: ha spianato gli oppositori, sbeffeggiato i recalcitranti, imposto, con maschia gioventù, la propria fiorentina volontà. Il consenso dei giovani furbi (già giovani turchi) è epigono e prodromo dei tanti disinvolti balzi sul Carro del Trionfo. E Renzi non ha neppure bisogno di mostrare in catene i Massimo D’Alema e i Pierluigi Bersani, ormai più che fieri Vercingetorige, dimessi Presidenti dell’Associazione Combattenti e Reduci che emettono l’ultimo ruggito del topo.

Intendiamoci: bene, e grazie a Renzi per velocità, rottura di incrostazioni e sistemi di poteri apparentemente inscalfibili, dimostrazione che se si vuole si può rivoluzionare l’esistente. Ma l’impetuoso torrente del nuovismo renziano, ingrossato da residui e relitti d’ogni genere, costituito, come giustamente scrive Marco Travaglio su il Fatto, da “pressappochismo, ignoranza crassa, menzogna sistematica”, sta tra inquietante postfuturismo marinettiano, mirabolanti promesse di Wanna e Stefania Marchi, assicurazioni di guadagni da gattovolpe del Maddoff dei Parioli.

La speranza è che, invece di piangersi addosso sperando in improbabili rivincite (e meschini, per quanto fallimentari, agguati) ci sia qualcuno capace di costruire un doporenzi all’insegna del meglio, non del meno peggio. Il coraggio, a volte, chi non ce l’ha se lo può dare.          

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->