martedì, Maggio 17

E lasciateci divertire, anche perché… Tra politici impenitenti e violenti indifferenti (al dolore altrui ed ai danni causati) non sappiamo fino a quando potremo continuare a farlo. E a fare qualsiasi altra cosa. E allora..

0

Siccome ci abbiamo preso gusto e in alternativa dovremmo occuparci di Davide Casaleggio che gongola per la (presunta) dissoluzione in corso del MoVimento Cinque Stelle cofondato dal padre oppore di un branco di briganti di passo che vogliono ‘fucilare’ i magistrati anche per via referendaria e nel frattempo continuano a delinquere in Parlamento e dintorni ché tanto in qualche modo poi presumono di tirarsene fuori o magari di manovre finanziarie e non economiche o ancora del virus materiale e di quello immateriale della violenza che è fascista per definizione chiunque la eserciti e tantopiù ora che il legittimo erede della parte peggiore della storia sovietica minaccia di farci saltare tutti per aria insomma stanti le condizioni date stiamo con Aldo Palazzeschi «e lasciatemi divertire». Lasciateci divertire. Sperando di divertire…

Infine,
io ho pienamente ragione,
i tempi sono cambiati,
gli uomini non domandano più nulla
dai poeti:
e lasciatemi divertire!

Che è, più che un proposito, un programma di vita. E aiuta a vivere. Che di questi tempi è già tantissimo.

E lasciateci divertire… (già come ‘Scherzi d’Aprile fuori stagione’)
1/ Attendendo il Primo Aprile, riepilogo delle burle fuori stagione 31 marzo 2022
2/​ Primo Aprile, fantastici scherzi! 1 aprile 2022
3/ L’Italia di Lello il sensitivo 6 maggio 2022
4/ Calenda e Lady Demonique 9 maggio 2022

Certo che dalle nostre parti non c’è che l’imbarazzo della scelta su fatti e cose strane curiose divertenti. A volte raggelanti. Ma pure altrove. A questo proposito segnaliamo anche il sapido sito di avvenimenti strani e curiosi Notizie del mondo. Oltre ai tanti fatti che quotidianamente ci accadono, e almeno un po’ ci alleviano l’esistenza.

E allora, dunque, lasciateci divertire, anche perché tra politici impenitenti e violenti indifferenti (al dolore altrui ed ai danni causati) non sappiamo fino a quando potremo continuare a farlo. E a fare qualsiasi altra cosa. E allora occupiamoco di noi e del futuro che ci aspetta. Se ci aspetta.

E LASCIATECI DIVERTIRE… /5 (continua)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giornalista. Editore con ‘La Voce multimedia’

End Comment -->