martedì, Maggio 11

E che il divertimento sia field_506ffb1d3dbe2

0

Trec Kuala

Bangkok – Il più grande parco divertimenti e di intrattenimento in Malaysia è in via di costruzione nel cuore di Kuala Lumpur e si stima possa aprire le sue porte al pubblico nell’arco di sei mesi. Si chiamerà TREC, acronimo che sta per Gusta, Condisci, Sperimenta e Celebra, coprirà un’area che grosso modo equivale a sei campi da calcio in una sola volta e sarà distribuito su 2.8 ettari di terreno. I fondatori Douglas Cheng e Cher Ng insieme con Berjaya Assets Bhd sono di fatto le menti che stanno dietro questo immenso mammut edilizio che deriva dall’dea coltivata da anni e che ruota intorno alle industrie del cibo e del divertimento. «Il nostro punto di vista è che TREC sarà un progetto pioniere nell’ambito dei distretti del divertimento integrato in uno step unico che sono stati l’idea dominante di Lan Kwai Fong a Hong Kong, di Xin Tian Di a Shanghai e del Clarke Quay di Singapore che sono diventati rapidamente un must tra i luoghi da visitare assolutamente nelle proprie rispettive Nazioni», ha affermato Cher Ng, il quale ha poi aggiunto che ha a lungo cooperato con Cheng per sostenere ciò che la Malaysia ha da offrire sia ai cittadini locali sia ai turisti che giungono da tutto il Mondo.

Con un investimento di 323.6 milioni di Ringgit (circa 101.26 milioni di Dollari USA), TREC sarà l’attrazione principale e che potrà ridefinire il centro dell’area metropolitana, specialmente per tutti coloro che si trovino ad attraversare Tun Razak Road, collocato sul fronte opposto del Centro Scambi Tun Razak il quale fronteggia il Golf Club Royal Selangor.

Secondo Cher Ng, TREC sarà diviso in cinque zone differenti, per andare incontro alle esigenze più diverse dei diversi tipi di utenza. La prima fase del progetto vedrà uno dei club più popolari della Nazione, il Zouk KL letteralmente spostarsi di netto per far spazio al progetto mastodontico. Zouk KL sarà spostato fuori dalla sua collocazione attuale a Jalan Ampang nel mese di Dicembre quando il suo contratto di affitto scade. Cher Ng afferma che il nuovo Zouk KL all’interno del TREC sarà almeno del trenta per cento più grande e potrebbe avere anche nove zone interne. Il nuovo corso renderà il club, attualmente posizionato al numero 52 tra i club più costosi del Mondo -in quanto a costi di produzione- valsi un ammontare di circa 38 milioni di Ringgit, cioé circa 11.89 milioni di Dollari USA.

Cher Ng inoltre ha affermato che i nuovi 60.000 metri quadri potranno contenere cinque sale come una sala VIP, una sala per i Membri, un caffé ed un’ampio locale terrazzato. Cher Ng rassicura tutti, il nuovo Zouk KL, seguendo la tradizione del precedente, sarà un locale famoso e di grande attrattività. E Cher Ng raccoglie stima nel mondo dell’intrattenimento sia in Malaysia sia a Singapore. Certo può dirlo con sostanza di fatti, lui infatti è il fondatore del Zouk KL. Anche l’Electric Boulevard sarà terminato agli inizi del prossimo anno e Cher Ng immagina sarà tutto completo non solo attraverso la creazione e la vita dei gastro-bar ma anche con ampi cartelloni di attori comici che reciteranno dal vivo.

Le varie zone saranno articolate al proprio interno e nell’idea dei costruttori –è stato più volte sottolineato ai media locali- vi è la volontà di declinare l’offerta secondo le varie tipologie di utenza, tenendo in particolare conto la clientela giovanile per quanto riguarda gli acquisti più trendy ma anche del resto dell’utena nazionale e internazionale, attraverso bar, pub interni, locali di vario intrattenimento e persino banche o centri di bellezza e benessere.

Dulcis in fundo, la costruzione di TREC significa 1.800 posti di lavoro e si stima contribuirà con un giro d’affari di circa 140 milioni di Ringgit annui, pari a 43.81 milioni di Dollari USA, che andranno ad aggiungersi positivamente all’economia locale.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->