Dove gli etiopi hanno perso, ha vinto Abiy Ahmed La guerra in Etiopia è una guerra in cui nessuno dei principali attori sta meglio di dove si trovava prima. L'unica persona che ha beneficiato della difficile situazione dell'Etiopia è l'attuale leader, Abiy Ahmed

Negli ultimi due anni, l’Etiopia è stata devastata dalla violenza e dalla pulizia etnica, da una guerra quasi infinita e da un Paese che è crollato su linee settarie simili al Libano negli anni ’70 e alla Jugoslavia negli anni ’90. La guerra in Etiopia è una guerra in cui nessuno dei principali attori sta meglio di dove si trovava prima. Le regioni più settentrionali, come Tigray, Afar e Amhara, sono desolate con miliardi di dollari di danni e persino regioni come Oromia subiscono brutali violenze settarie da parte di gruppi estremisti. L’unica persona che ha beneficiato della difficile situazione dell’Etiopia è l’attuale leader, Abiy Ahmed, che ha consolidato il potere,mentre i suoi rivali si combattono fino alla morte.

La guerra in Etiopia è iniziata il 4 novembre 2020 , quando il braccio armato del TPLF, il TDF, ha attaccato il Comando Nord del governo centrale etiope. Il TPLF, che ha governato l’Etiopia per quasi tre decenni dopo aver cacciato il regime comunista Mengistu, ha guidato il Paese durante un periodo di corruzione, repressione della libertà di parola e costose imprese militari come il loro predecessore. Abiy Ahmed, un ex tenente colonnello con esperienza di combattimento nel Corno d’Africa e in Rwanda, ha mobilitato le forze del nord e l’esercito eritreo, poiché il Paese condivide ancora oggi stretti legami culturali con l’Etiopia e ha anche affrontato incursioni al confine da parte del TPLF. Abiy Ahmed ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace per aver risolto le principali controversie di confine decennale con l’Eritrea. Dopo aver arrestato i leader del TPLF ed estremisti dell’OLA durante le prime fasi della guerra, la popolarità di Abiy è aumentata vertiginosamente; nel frattempo, c’erano esigenze del Paese che non erano state soddisfatte o implementate sotto il suo governo, che sarebbero poi costate decine di migliaia di vite e risorse preziose.
Abiy Ahmed ha ordinato tattiche di terra bruciata per affrontare le milizie del TPLF, in cambio centinaia di migliaia di tigriani hanno sofferto. Dall’inizio del conflitto sono state riportate segnalazioni di aggressioni sessuali, massacri da parte dell’ENDF , arresti di attivisti civili, carestia crescente a causa del blocco da parte del governo e dell’Eritrea e bombardamenti di campi profughi.

Quando le forze governative sono state accerchiate e migliaia sono state fatte prigioniere dalle milizie del TPLF, si sono spinte a sud con l’obiettivo di entrare nella capitale Addis Abeba. Per fare ciò, dovrebbero attraversare la regione di Amhara, che ha riacceso tensioni etniche di vecchia data risalenti agli anni ’70. Per quasi sei mesi da giugno 2021, ci sono state numerose segnalazioni di forze del TPLF che hanno giustiziato e aggredito sessualmente Amharas e Afar, insieme a danni culturali causati dall’occupazione.

Annunciando un’importante controffensiva del governo contro i progressi del TPLF e dell’OLA verso la capitale, la popolarità di Abiy è salita alle stelle. La controffensiva ha avuto luogo nella regione di Amhara, dove molti Amhara avevano già una visione negativa del governo Abiy. Per mesi, le forze speciali di Amhara e Fano hanno tenuto a bada le forze del TPLF con uno scarso sostegno del governo. Molte armi usate dalle milizie Amhara provenivano da soldati morti del TPLF o armi più vecchie poiché il governo non le aveva fornite e si rifiutava di armarle. La controffensiva nella regione di Amhara ha avuto successo, ma è arrivata la contro-controversia. Sono state documentate numerose segnalazioni di crimini di guerra commessi dalle forze del TPLF in fuga, insieme ad attacchi indiscriminati di droni dal governo etiope. I droni utilizzati erano i famigerati TB2, un Bayraktar prodotto in Turchia che ha cambiato il volto della guerra in Siria, Libia e Karabakh.

Dopo aver consolidato le regioni di Amhara e Afar durante la riconquista, Abiy Ahmed ha sviluppato un culto della personalità, nonostante i continui problemi in corso nel Paese. Ci sono stati massacri quasi quotidiani di Amhara nella regione di Oromia. I Tigrani non hanno ancora un’assistenza medica adeguata. Le regioni di Afar soffrono ancora degli attacchi interregionali del TPLF e la regione di Amhara ha ancora bisogno di miliardi di aiuti per ricostruire la provincia martoriata dalla guerra. Ci sono stati anche arresti di massa di attivisti Amhara recentemente, che ha portato a proteste globali con l’hashtag #IAmFano. Sebbene Abiy abbia guadagnato importanza nella comunità africana e ‘antimperialista’, gran parte della popolazione etiope è molto diffidente nei confronti delle sue motivazioni e intenzioni.

Nonostante le detenzioni di attivisti in tutto il Paese e il blackout dei media, c’è scarso progresso o importanza per le istituzioni democratiche sotto il Primo Ministro Ahmed, insieme alla crescita dei senzatetto e all’inflazione. L’unico segno di progresso è la Grande Diga del Rinascimento Etiope (GERD), che a sua volta ha causato grande ira da parte dell’Egitto. Mentre monitor internazionali e giornalisti locali continuano a contare i morti della guerra civile, rimane chiaro che nessuna parte ha vinto. Lo status quo è rimasto, che riflette le cicatrici del periodo della metà degli anni ’70, dove gli unici vincitori sono i leader corrotti dell’Etiopia post-monarchia, che continuano a beneficiarne mentre il popolo soffre.