domenica, Dicembre 5

Dove finiscono i soldi del money transfer? Come sono tutelati i flussi finanziari internazionali dal riciclaggio e altri mali economici?

0

Le leggi Antiriciclaggio e per la Lotta al Finanziamento del Terrorismo (AML / CFT) hanno lo scopo di evitare che i flussi finanziari internazionali possano finanziare a gruppi terroristici criminali. Tuttavia, essi hanno anche conseguenze indesiderate per le persone dei Paesi in via di sviluppo. Nella intervista dedicata all’argomento, l’esperto spiega come rendere le leggi CFT – AML più eque e promuovere l’inclusione finanziaria. AML-CTF sono delle sigle che richiamano al combattimento del riciclaggio di denaro e contro il finanziamento terroristico, ma bisogna capire che esistono molteplici effetti economici dal combattere tali mali e problemi attuali. Molte persone, che si sono trasferite all’estero per lavorare, usano le organizzazioni di money transfer per far arrivare soldi ai famigliari rimasti nella Patria di origine. Tali money transfer si appoggiano a soldi presenti nelle Banche locali e poi ricaricano di commissioni pesanti i destinatari di tali profitti economici, oltre che risentire delle recenti oscillazioni finanziarie della crisi economica, in atto ormai da svariati mesi. Un membro diFinancial Advanced Economics  parla di come i suoi utenti sono facilitati nell’inviare denaro ‘sicuro’ e quali protezioni sono assicurate nella spedizione di soldi, contanti e non, cercando il più possibile di salvare tali risparmi dal rischio del traffico illecito e del riciclaggio da parte di organizzazioni criminali. Gli USA hanno creato un’apposita commissione e organizzazione che tutela tali invii di denaro e scambi commerciali tra Paesi USA ed esterni, tutelando i soldi da eventuali crolli imminenti della borsa mondiale.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘Center for Global Development’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->