lunedì, Maggio 16

Dopo l’Ucraina: nuovo ordine globale e nuovo sistema monetario globale Un rimescolamento dell'ordine monetario globale? Il rublo si è posizionato per scalzare il dollaro. Il destino ultimo del sistema monetario internazionale rispecchierà la futura configurazione dell'ordine globale

0

La guerra in corso in Ucraina viene combattuta con armi cinetiche e tradizionali piattaforme di proiezione di potenza nei campi di battaglia operativi convenzionali. Tuttavia, la sua estensione trascende il dominio dell’arte di governo militare. Va molto oltre. In effetti, questo confronto in corso deve anche essere inteso come uno scontro importante nella crescente competizione strategica per determinare l’architettura futura del sistema finanziario e monetario globale: un gioco pericoloso giocato una posta in gioco molto alta.
Su questa scacchiera, valute, attività monetarie e veicoli finanziari vengono utilizzati come armi, come strumenti di coercizione, manipolazione,distruzione, subordinazione e conquista. Pertanto, detta arena è una delle dimensioni chiave della Seconda Guerra Fredda, in cui il blocco occidentale delle potenze marittime -sotto la guida degli Stati Uniti- e l’asse eurasiatico delle potenze continentali -guidato da Russia e Cina- stanno lottando tra loro per far avanzare le loro opinioni corrispondenti su come dovrebbe essere l’ordine mondiale. Il regno del denaro è ora in prima linea nell’attuale rivalità tra Leviatano e Behemoth.

Così inquadra il problema il messicano Jose Miguel Alonso-Trabanco, un professionista delle relazioni internazionali esperto in sicurezza nazionale e intelligence strategica, analista, ricercatore, consulente e docente, in una puntigliosa analisi per ‘Geopolitical Monitor‘, servizio di raccolta e previsione di intelligence open source.

«Lungi dall’essere autonomo o condizionato puramente da variabili economiche, il campo delle questioni monetarie internazionali è sempre stato fortemente influenzato dalle forze impersonali dell’alta politica». E’ fondamentale tenere ben presente questo «per spiegare le tendenze correlate alla configurazione dei sistemi monetari globali, all’internazionalizzazione delle valute, all’ascesa e alla caduta delle valute di riserva dominanti, alla concorrenza monetaria, alla fluttuazione dei tassi di cambio, alla denominazione dei prezzi per lo scambio commerciale di merci strategiche, insieme alla natura dei sistemi finanziari internazionali, piattaforme e centri nevralgici». Pertanto, «esiste una profonda sovrapposizione tra la sfera economica del denaro, dei mercati, della finanza, del commercio e della ricchezza e la sfera politica del potere, del controllo, del conflitto e degli Stati.
A questo proposito, l’universo monetario è un dominio gerarchico, darwiniano e competitivo i cui comportamenti sono fortemente intrecciati con le realtà politiche associate agli allineamenti diplomatici, alla guerra, agli accordi consensuali, alla struttura della polarità, all’hard power, ai quadri istituzionali della governance multilaterale, all’evoluzione di egemonia globale, ambienti di sicurezza, inseguimenti imperiali, dinamiche di potere asimmetriche, fenomeni geopolitici e prestigio reputazionale.
Lungi dall’essere meramente teorici, queste osservazioni sono supportate da prove empiriche. Ad esempio, la documentazione storica fornisce diversi esempi istruttivi:

  • La posizione detenuta per secoli dal solidus bizantino come moneta di riserva che circolava anche negli angoli più lontani del mondo conosciuto. Come il ‘dollaro del Medioevo’, la sua proiezione diffusa rifletteva la potenza, la prosperità e l’influenza dell’Impero Romano d’Oriente.
  • Il ruolo dell’argento del Nuovo Mondo come sostanza monetaria che ha alimentato l’espansione marittima globale dell’Impero spagnolo e la portata senza precedenti delle sue reti commerciali transoceaniche.
  • L’ascesa della sterlina come principale valuta di riserva mondiale e l’ascesa di Londra come principale centro finanziario del mondo nell’era dellaPax Britannica‘, dopo che la Gran Bretagna è uscita vittoriosa dalle guerre napoleoniche.
  • La conformazione del regime monetario internazionale di Bretton Woods con il dollaro USAsostenuto dall’oro– come pietra angolare, a seguito di una transizione egemonica gestita verso la fine della seconda guerra mondiale. In effetti, la successiva leadership geopolitica, strategica e militare americana del mondo occidentale nella Guerra Fredda non può essere spiegata senza il ruolo cruciale svolto dagli accordi transazionali derivati da Bretton Woods. In questo quadro, Washington ha portato nella sua orbita gran parte dell’Europa occidentale e del Giappone attraverso l’offerta di accesso ai suoi mercati di consumo, la capacità illimitata di impegnarsi nel commercio internazionale (per gentile concessione della US Navy), una generosa offerta di credito per riattivare la vitalità economica e una valuta di riserva stabile come bene pubblico internazionale.
  • La minaccia americana di abbattere la sterlina per forzare il ritiro delle truppe britanniche dall’Egitto nel contesto della crisi di Suez, come strategia chirurgica elaborata per evitare la disintegrazione della NATO.
  • La creazione dell’euro come progetto dell’asse franco-tedesco volto ad accelerare il processo di integrazione europea.
  • L’interesse a riportare la denominazione delle vendite di petrolio iracheno da euro a dollaro come uno dei fattori chiave dietro l’invasione anglo-americana dell’Iraq del 2003.

Inoltre, ci sono anche esempi contemporanei che puntano in una direzione simile. Questi includono il progetto ISIS per lanciare un sistema monetario trimetallico per sfidare il denaro occidentale; l’accumulazione di riserve auree (da parte di Stati come Cina, Russia, India e Turchia) perché rappresenta un hard asset con valore intrinseco che sfugge al controllo diretto dell’Occidente; la crescente proiezione internazionale dello yuan, come segno del crescente potere, ricchezza e influenza di Pechino su scala globale; la dipendenza dei cosiddetti Stati canaglia‘ -Iran, Corea del Nord e Venezuela- su criptovalute decentralizzate per mitigare l’impatto delle sanzioni di Washington.

D’altra parte, è anche importante capire come le risorse naturali possono rafforzare la forza di una valuta.
In effetti, il valore del dollaro USA è stato tacitamente sostenuto dal petrolio da quando il Presidente Richard Nixon ha sospeso unilateralmente il gold standard cinque decenni fa. A tale punto di svolta, il biglietto verde è diventato nominalmente una valuta fiat in un ambiente di tassi di cambio fluttuanti determinati dalle forze di mercato.
Tuttavia, nel tentativo di impedirne la caduta, Washington ha stretto un accordo con il Regno dell’Arabia Saudita, il più grande produttore mondiale di petrolio. Gli Stati Uniti fornirebbero supporto militare diretto contro i nemici interni ed esterni della Casa di Saud. In cambio, Riyadh valuta le sue esportazioni di petrolio esclusivamente in dollari. I dollari guadagnati dai sauditi dovrebbero essere investiti in titoli del tesoro statunitensi o in prodotti finanziari offerti da Wall Street, un processo noto come ‘riciclaggio dei petrodollari’. Di conseguenza, ogni Paese che volesse importare petrolio -una merce essenziale per quasi tutti i settori delle economie moderne- dovrebbe ottenere dollari per pagarlo. In caso contrario, la loro sicurezza energetica non potrebbe essere garantita. In una certa misura, questa formula spiega la duratura supremazia del biglietto verde».

PRIMO ROUND: VALUTE SOTTO TIRO SULLA CRIMEA

L’inizio del percorso che le monete stanno conducendo è iniziato con l’annessione della Crimea, quando il rublo è finito nel mirino. Primo round: valute sotto tiro sulla Crimea
«Il rublo russo è stato preso di mira diverse volte nel periodo successivo alla Guerra Fredda. La prima istanza si è verificata sulla scia dell’annessione della penisola di Crimea, poco dopo che il movimento Euromaidan -sostenuto sia da Washington che da Bruxelles- è riuscito a rovesciare un regime filo-russo a Kiev e sostituirlo con un altro fermamente allineato con l’Occidente. All’inizio del 2014, gli Stati Uniti hanno implementato sanzioni economiche e finanziarie punitive contro la Russia come rappresaglia. Il loro effetto è stato amplificato da moltiplicatori di forza come il calo dei prezzi del petrolio e il declassamento dei rating di credito della Russia. «»
Sebbene l’armamento coercitivo dei vettori finanziari -una base sempre più comune della politica economica americana contemporanea, soprattutto quando l’uso della forza cinetica non è un’opzione- non provochi spargimenti di sangue, può comunque infliggere danni sostanziali, soprattutto contro economie strutturalmente vulnerabili che sono altamente dipendenti dall’esportazione di risorse naturali i cui prezzi sono piuttosto volatili, come la Russia. Riguardo a questo significativo precedente, l’ex fantasma dell’MI6, Alastair Crooke, ha sostenuto che
l’uso strumentale della finanza come punta di diamante strategica in uno scontro contro un rivale geopolitico indicava una crescente finanziarizzazione del conflitto. In quell’episodio, il tasso di cambio del rublo rispetto al dollaro è passato da circa 35 rubli per dollaro nel febbraio 2014 a 69 un anno dopo (cioè ha perso metà del suo valore) e non è più tornato a livelli prossimi alla posizione originaria prima della crisi.
Di conseguenza,
l’opulenza accumulata a seguito di quasi un decennio di alti prezzi dell’energia è svanita rapidamente e l’ambiziosa idea di trasformare Mosca in un centro finanziario di livello mondiale è stata demolita. Inutile dire che anche il piano per incoraggiare il posizionamento del rublo come valuta di riserva emergente è stato cancellato.

Allora, invece di capitolare, l’orso russo ha risposto con una strategia difensiva non ortodossa. In particolare, il colosso eurasiatico ha approfittato del temporaneo calo dei prezzi dell’oro per aumentare le sue disponibilità fisiche di detto metallo prezioso, che è un bene prezioso con un valore intrinseco che sfugge al controllo diretto delle potenze occidentali. In effetti, lungi dall’essere una ‘reliquia barbarica’ o una merce immagazzinata nei sotterranei semplicemente per ‘tradizione’, l’oro è un simbolo universale e senza tempo di potere, prestigio, ricchezza e persino bellezza, come diceva il defunto banchiere svizzero Ferdinand Labbra. Significativamente, le riserve auree russe sono diventate le seste più grandi del mondo. Allo stesso modo, l’assistenza finanziaria cinese è stata utile per stabilizzare il valore del rublo.
Questo fatidico evento ha spinto la crociata russa -ideata da Sergei Glazyev, uno dei principali consulenti economici del Cremlino- per istigare una rivolta globale contro l’incontestata egemonia monetaria del dollaro USA. Glazyev ha persino suggerito che lo Stato russo acquisti ogni singola oncia d’oro estratta nel territorio russo a prezzi denominati in rubli al fine di: 1) aumentare le riserve auree nazionali; 2) evitare l’esposizione diretta ai mercati finanziari internazionali; e 3) bypassare le transazioni che coinvolgono i circuiti organicamente legati al dollaro, identificato come un fulcro del potere nazionale statunitense e anche un baricentro che un giorno potrebbe essere preso di mira.
La valutazione di Glazyev non è sbagliata. Il ruolo del dollaro come valuta egemonica del globo offre a Washington la possibilità di aumentare artificialmente i budget militari, sostenere prolungati deficit fiscali e commerciali, monitorare le transazioni internazionali, attuare sanzioni, bloccare transazioni, congelare attività estere, rafforzare l’influenza dei pesi massimi di Wall Street a livello globale mercati finanziari, manipolare i prezzi delle materie prime strategiche e accumulare livelli stratosferici di debito senza conseguenze significative. Inoltre, anche se è una valuta fiat, il biglietto verde è in definitiva supportato dalla potenza di fuoco militare statunitense, comprese cose come portaerei, caccia stealth, armi nucleari, sottomarini, missili balistici intercontinentali, forze per operazioni speciali e droni. Di conseguenza, coloro che hanno sfidato il dollaro hanno pagato un prezzo pesante.

Poco dopo, i russi divennero uno dei principali orchestratori di una campagna mondiale per far avanzare la de-dollarizzazione. Secondo alcune fonti aperte, il Cremlino ha assistito di nascosto il Venezuela nello sviluppo di una criptovaluta sovrana sostenuta dal petrolio come veicolo per diminuire l’impatto delle sanzioni, probabilmente come un esperimento su piccola scala che, anche se si è rivelato infruttuoso, ha insegnato una lezione preziosa: per sfidare il biglietto verde servirebbe una massa critica molto più alta. Inoltre, la Russia ha ripetutamente esortato il blocco BRICS a lanciare piattaforme finanziarie alternative e a stringere accordi bilaterali e multilaterali per regolare i pagamenti in valute non occidentali. Col senno di poi, questo scontro originale sulla Crimea – nonostante le sue proporzioni più piccole – prefigurava alcune delle tendenze in via di sviluppo più tettoniche alle quali assistiamo oggi. In effetti, erano già stati sparati i primi colpi di un conflitto molto fuori dagli schemi.

GUERRA IN UCRAINA: UN’INQUIETANTE RIVINCITA

Si arriva così all’oggi della guerra ucraina. «Come una delle principali risposte occidentali all’invasione russa dell’Ucraina nel 2022, le attività della Banca centrale russa detenute all’estero -in luoghi come Stati Uniti, Regno Unito, UE e Svizzera- sono state congelate.
La somma di denaro che è stata confiscata equivale a quasi la metà delle riserve totali di valuta estera della Russia.
Forse non sorprende che l’Ucraina stia rivendicando la consegna di questo denaro a Kiev come compenso che punirebbe e umilierebbe anche Mosca; ma non è chiaro se questa richiesta sarà accolta dall’Occidente, soprattutto perché detenere denaro russo potrebbe essere sfruttato come incentivo per impegnarsi in negoziati diplomatici. Al contrario, uno stanziamento definitivo o uno storno diretto sarebbero visti come una mossa inequivocabilmente in escalation. Sebbene in guerra non sia raro rubare la ricchezza di un nemico, questa misura aveva lo scopo di sminuire la capacità di Mosca di finanziare la sua campagna in Ucraina, abbassare il valore del rublo, minare la capacità di attuare la politica monetaria, innescare l’iperinflazione, provocano una stretta creditizia, provocano il collasso del sistema bancario russo e stimolano l’evaporazione del risparmio. Inoltre, ci si aspettava che -insieme ad altre azioni di ritorsione occidentali- ciò potesse portare a un cambio di regime a Mosca. Sebbene non sia chiaro se tutti i risultati sperati verranno raggiunti, i primi effetti di questo duro colpo si sono concretizzati in modo rapido.
Quando il 24 febbraio è stata lanciata l”operazione militare speciale’ russa, il tasso di cambio era di 81,31 rubli per dollaro e, entro il 7 marzo, un dollaro valeva 142.78 rubli (un deprezzamento del 43% in meno di un paio di settimane). Nelle parole dello stesso Presidente Joe Biden, il rublo veniva ridotto in macerie.

Inutile dire che questo assalto ha messo alla prova la preparazione e la resilienza russa. La Russia ha prima reagito in modo difensivo con misure di controllo dei danni come l’introduzione di restrizioni monetarie e l’aumento dei tassi di interesse al fine di prevenire il crollo totale del rublo russo. Inoltre, nel tentativo di aggirare i circuiti finanziari occidentali legati al dollaro, la Russia sta incoraggiando la crescita di piattaforme finanziarie alternative come il Financial Message Transmission System e il sistema di pagamento elettronico Mir per carte di credito. Sebbene entrambi siano stati originariamente creati per scopi interni, il coinvolgimento di partner commerciali esteri e il loro collegamento interfacciato con le arterie finanziarie cinesi fornisce un’ancora di salvezza fondamentale.

Tuttavia, lo sviluppo più eclatante è stata la minaccia russa di fermare il flusso di gas naturale attraverso la sua rete di gasdotti verso iPaesi ostili‘ (cioè quelli che hanno adottato sanzioni contro Mosca) a meno che i pagamenti non siano denominati in rubli anziché in euro o dollari.
L’ultimatum -emesso nientemeno che dal presidente Vladimir Putin in persona- è stato emesso a fine marzo con lo scopo di diminuire l’impatto delle sanzioni, intimidire gli importatori europei di gas russo con la prospettiva di massicci sconvolgimenti economici, ripristinare il valore del rublo e ricostituire le casse di Mosca. Sebbene i contratti corrispondenti fossero originariamente denominati in euro e dollari, c’è scarso incentivo per la Russia ad impiegare valute occidentali considerate ‘tossiche’ perché il commercio in esse comporta un pericoloso grado di esposizione alle sanzioni, confische e/o predazione. Inoltre, il Cremlino può permettersi di formulare tale richiesta perché, nonostante l’accesa retorica del contrario, le forniture energetiche russe non possono essere facilmente sostituite dai consumatori europei nel breve termine. Finora non esiste una posizione europea unificata».
Mosca, intanto, ha escogitato un meccanismo volto a facilitare il rispetto di tale direttiva da parte degli europei. «Secondo questo schema complesso, gli acquirenti europei di gas naturale russo dovrebbero aprire conti da Gazprombank e pagare le loro importazioni con euro, che vengono poi scambiati internamente con rubli in modo che la transazione possa essere finalmente regolata per loro conto. Pertanto, i profitti realizzati sono alla fine denominati in rubli e, parallelamente, la Russia può anche accumulare valute forti estere sul suolo russo (invece di essere detenute all’estero, dove sono alla portata di forze ‘ostili’). In altre parole,Gazprombank sta operando come sostituto de facto della Banca centrale russa come intermediario monetario e finanziario. Non è noto se i russi abbiano ammorbidito la loro posizione o se questo accordo fosse ciò che volevano da sempre. Con questo sofisticato pareggio asimmetrico -una contromisura probabilmente ideata da Glazyev- la Russia è riuscita a riportare la stabilità del rublo. Entro il 6 aprile era praticamente tornato ai livelli medi che prevalevano prima dello scoppio della guerra in Ucraina (79,58 rubli per dollaro).
Bisogna tenere a mente che, come sottolinea Kindleberger, il tasso di cambio di una valuta non è solo un numero, è un simbolo dello status gerarchico dell’emittente nel mondo. Quindi, senza una moneta forte, la credibilità degli Stati che intendono riposizionarsi come grandi potenze è sostanzialmente diminuita. Inoltre, una valuta stabile è un fattore psicologico che incoraggia la fiducia interna e l’orgoglio nazionale».
Con questa operazione, Mosca ha ottenuto «il potere di mercato necessario per modellare il tasso di cambio bilaterale euro-rublo secondo i suoi interessi. Il significato più ampio di questo sviluppo non deve essere trascurato. Con questo controintuitivo colpo da maestro, il rublo russo è ora tacitamente una valuta sostenuta da un bene con valore intrinseco e la cui domanda continua è costante sui mercati internazionali. Inoltre, il gas naturale non è solo una merce ordinaria che può portare ricchezza a chi lo vende. Soprattutto, è essenziale per la sicurezza energetica dei mercati di consumo europei. Di conseguenza, il valore del rublo russo è stato ancorato all’energia sotto il controllo di Mosca.
Un’altra questione notevole è l’avvertimento del Cremlino che l’associazione finanziaria alchemica gas-rublo è solo un ‘prototipo’. Il finale di partita, secondo le dichiarazioni rese dai portavoce ufficiali, è quello di effettuare eventualmente le esportazioni di altre risorse naturali russe attraverso transazioni che coinvolgono il rublo. Ipoteticamente, quel processo graduale potrebbe includere vari prodotti come minerali metallici, petrolio, neon, uranio, pietre preziose, cereali e legname. Tuttavia, non è chiaro se questo sia puramente un bluff o una vera minaccia che cerca di seppellire i resti di Bretton Woods.
In un ironico scherzo del destino, la Casa Bianca accusa la Russia di essere coinvolta in una manipolazione artificiale della valuta; ma ha anche ammesso che, nonostante l’esplicita opposizione di Washington, le decisioni dei Paesi europei sui pagamenti in rubli vengono prese individualmente.
Inoltre, sfruttando la condizione della Federazione Russa come uno dei principali produttori mondiali di oro, la Banca centrale russa ha stabilito l’equivalenza di 5.000 rubli in cambio di un grammo d’oro. Poiché la disposizione ufficiale prevede che l’oro possa essere scambiato solo con i rubli, ciò significa che la valuta russa è ora legata anche al metallo aurous, la forma di moneta più dura‘.
Nel grande schema delle cose, Mosca ha riportato in vita il gold standard, che era stato prematuramente respinto dagli economisti neoclassici, dai banchieri centrali dogmatici e dai politici tecnocratici dalla mentalità ristretta. Quindi, la nuova connessione organica del rublo russo con l’energia e l’oro rappresenta una sfida strategica e paradigmatica per le valute fiat occidentali, soprattutto considerando che l’accumulo di debiti impagabili e l’uso eccessivo del quantitative easing motivano ragionevoli dubbi sulla loro sostenibilità a lungo termine come efficaci riserve di valore.
Forse al Cremlino manca la potenza di fuoco finanziaria necessaria per affondare il dollaro da solo, ma l’eco dell’esempio dato dalla Russia può risuonare fortemente nelle capitali delle grandi potenze e delle potenze regionali che sono in contrasto con Washingtonper vari motivi. Ad esempio, alcune settimane fa, l’Arabia Saudita -irritata dall’approccio conciliante di Washington nei confronti dell’Iran sotto l’Amministrazione Biden e desiderosa di corteggiare il favore delle crescenti potenze eurasiatiche- ha tenuto colloqui con la Cina per discutere la possibilità di prezzare le sue esportazioni di petrolio in yuan. Inoltre, Russia e India stanno negoziando un accordo che faciliterebbe il coinvolgimento delle proprie valute nazionali negli scambi economici bilaterali. Tali scenari erano impensabili solo un decennio fa. Riallineamenti sempre più profondi come questi potrebbero fiorire in un prossimo futuro».

OBIETTIVO: MULTIPOLARITÀ VALUTARIA

Ora il vaso di Pandora e aperto e da qui all’offuscamento del dollaro come valuta di riferimento e riserva e all’affermarsi della multipolarità valutaria il passo potrebbe essere breve.

«Il biglietto verde è ancora la valuta di riserva egemonica del globo. Secondo il Fondo monetario internazionale (FMI), nell’ultimo trimestre del 2021, i crediti in dollari statunitensi hanno rappresentato il 54,78% delle riserve valutarie totali del mondo, ben al di sopra di altre valute forti come l’euro, lo yen giapponese, la sterlina inglese, il renminbi cinese, il dollaro canadese, il dollaro australiano e il franco svizzero. Inoltre, le informazioni rilasciate da SWIFT sul volume totale dei pagamenti effettuati nel mese di febbraio 2022 rivelano che, in termini di valore, il dollaro è la valuta utilizzata nel 38,85% delle transazioni registrate, seguito dall’euro (37,79%), la sterlina ( 6,76%), lo yen giapponese (2,71%) e lo yuan (2,23%).
A parte la pura potenza economica degli Stati Uniti, la forza del dollaro è sostenuta dalla potenza militare statunitense e dalla sua leadership incontrastata nei mercati finanziari internazionali. In confronto, l’attrazione gravitazionale complessiva del rublo russo e il peso planetario dell’economia russa sono limitati.

Tuttavia, nel tentativo di armarsi di gas e oro, il contrattacco russo ha aperto il vaso di Pandora. Sebbene prevalentemente difensivo, il percorso seguito da Mosca potrebbe innescare una reazione a catena potenzialmente capace di rovesciare la posizione egemonica del dollaro e sventare il controllo occidentale della rete finanziaria internazionale.
Indipendentemente dal fatto che il Cremlino riesca o meno a ottenere una vittoria strategica, una potente ondata didistruzione costruttiva‘ (un concetto che descrive la rimozione brusca e caotica di un vecchio ordine in modo che un sostituto possa nascere dalle ceneri del suo predecessore) è stata scatenata e la palla di neve risultante probabilmente continuerà a crescere.
Significativamente, nientemeno che Goldman Sachs avverte che l’armamento del dollaro contro la Russia è un incentivo che incoraggerà molti Paesi ad allontanarsi dal biglietto verde, accelerare la diversificazione ed esplorare potenziali alternative. Secondo tale banca d’affari, nei prossimi anni il dollaro potrebbe seguire un calo paragonabile a quello della sterlina inglese all’inizio del XX secolo, anche se all’orizzonte non c’è un chiaro sostituto.
Allo stesso modo, il FMI afferma che l’emergere di un nuovo ordine mondiale che riformula la correlazione globale delle forze geopolitiche, potrebbe anche rimescolare la struttura delle reti di pagamento internazionali e la natura delle riserve.
Non è noto se l’Amministrazione Biden avesse previsto questa ricaduta collaterale come un potenziale sottoprodotto della guerra economica contro la Russia. Washington sarebbe disposta ad aprire il fuoco in uno scontro militare combattuto per scongiurare l’eclissi del dollaro? Questo contraccolpo spingerà gli Stati Uniti ad abbracciare un approccio più sobrio? È troppo tardi per gli americani per riconsiderare la loro posizione in modo da evitare esiti controproducenti per i loro interessi nazionali? Sarebbero disposti a riavviare il dollaro come valuta forte sostenuta da beni tangibili?

Più che mai, il dominio del denaro è diventato una feroce arena di competizione strategica globale in cui valute, asset monetari e veicoli finanziari possono fungere da armi, scudi e obiettivi, una realtà sconcertante ed estremamente complessa che deve essere colta dagli statisti contemporanei, guerrieri e strateghi. Prima il rublo era sotto attacco, ma ora sembra che sia il turno del dollaro di ritrovarsi nel mirino. Probabilmente, le valute sono troppo importanti perché gli spazi di battaglia all’avanguardia siano lasciati solo agli economisti, ai finanzieri e ai banchieri centrali. Con il coinvolgimento offensivo diretto del denaro nel conflitto, un genio pericoloso è uscito dalla bottiglia e non c’è modo di rimetterlo a posto. Pertanto, gli analisti stanno valutando se, come potente catalizzatore del cambiamento strutturale, l’attuale periodo di crescenti sconvolgimenti può portare alla ‘multipolarità valutaria’ e/o alla biforcazione o frammentazione della finanza internazionale. È una questione di tempo prima che avvenga una resa dei conti e il tempo ticchetta. In un modo o nell’altro, il destino ultimo del sistema monetario internazionale rispecchierà la futura configurazione dell’ordine globale. Dopotutto, le traiettorie di entrambi si sono sempre evolute in modo simbiotico. Entrambi sono letteralmente due facce della stessa medaglia».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->