sabato, Maggio 21

Dopo l’Ucraina, l’Unione Europea della difesa più concreta e credibile Intervista al generale Claudio Graziano, Presidente del Comitato militare dell'Unione europea, su come la UE sta lavorando per dotarsi di 'muscoli militari'

0

La guerra in Ucraina ha costretto l’Unione Europea a guardarsi dentro e trovare forze inattese. In qualche modo, questa guerra, come afferma Elisabeth Braw, ricercatrice di difesa, sicurezza nazionale, minacce ibride dell’American Enterprise Institute, ha determinato la «nascita improvvisa dell’Unione Europea come un attore militare serio». Quanto meno è stata l’occasione perchè a Bruxelles e nelle capitali dell’Unione ci si rendesse conto dell’importanza che l’Europa assuma un ruolo anche militare.
Quale dovrebbe essere il ruolo militare dell’Unione è l’interrogativo al quale serve dare riscontro velocemente. Cosa può fare l’Unione Europea per far crescere i suoi muscoli militari?Il generale Claudio Graziano, Presidente del Comitato militare dell’Unione europea (il Military Committee of the European Union – EUMC), si è confrontato con questi interrogativi in una intervistarilasciata a Braw per ‘Foreign Policy‘.

Di seguito pubblichiamo l’intervista integrale. 

***

L’UE è improvvisamente emersa come un attore serio nella sicurezza dell’Europa e i governi dell’UE stanno aumentando la spesa per la difesa. L’UE è militarmente più forte ora di quanto non fosse due mesi fa?

Assolutamente sì. La Russia ha riportato la guerra in Europa, una cosa così grave e pericolosa da non essere nemmeno considerata possibile. Anche per le persone che avevano letto del rischio, era impossibile credere che sarebbe successo. Quando accadde, fu uno shock di immensa portata che provocò un’enorme risposta comune da parte dell’Unione Europea.
Alla riunione di Versailles [del 10-11 marzo], i capi di Stato e di governo hanno discusso di come l’Unione Europea possa essere all’altezza delle proprie responsabilità in questa nuova realtà. Per farlo è necessaria una chiara volontà politica e ora l’Unione europea è più unita che mai. Questo dà una spinta incredibile alla costruzione di un’Unione europea della difesa più concreta e credibile. E una alleanza della difesa è davvero l’unica risposta possibile a questa crisi. Sappiamo che è un percorso lungo, ma sappiamo che dobbiamo farlo ora perché dopo sarà troppo tardi. Come parte di questo sforzo, inizieremo a sviluppare una capacità di schieramento rapido dell’UE che ci darà la possibilità di schierare una forza modulare e multidominio fino a 5.000 soldati in grado di intervenire in ambienti ostili. Questa forza avrà anche abilitanti strategici che in passato sono stati normalmente forniti dagli Stati Uniti, ad esempio strutture di comando e controllo, trasporto aereo strategico, trasporto strategico, sorveglianza dell’intelligence e capacità di ricognizione, difesa informatica, veicoli aerei senza pilota, risorse di comunicazione spaziale, sistemi di guerra elettronica, difesa antimissilistica e spero nel prossimo futuro principali carri armati e caccia di nuova generazione.

Ma l’UE ha già gruppi tattici che non sono mai stati schierati. Come può essere sicuro che questa forza schierabile avrà successo quando per i gruppi tattici non è stato così?

I gruppi tattici dell’UE sono progettati per essere utilizzati per la gestione della stabilizzazione [crisi meno gravi della guerra], ed è vero che non sono mai stati utilizzati. Questo perché non abbiamo mai raggiunto un accordo tra gli Stati membri dell’UE su alcune questioni, come i costi e chi avrebbe dovuto guidare lo sforzo. L’altra complicazione era che non avrebbero dovuto competere con la NATO. In passato, ho prestato servizio in missioni NATO per molti anni, incluso in Afghanistan, e la NATO svolge bene dispiegamenti all’estero. Ha anche almeno nove corpi di reazione rapida e sono molto più grandi dei gruppi tattici dell’UE. La nostra nuova capacità di implementazione rapida dell’UE è uno sforzo per rispondere a un’esigenza di sicurezza senza competere con la NATO. Ma per essere una vera risposta, la Deployment Capacity deve essere utilizzata anche negli esercizi. E averlo nel roster invierà un messaggio di unità europea alla Russia e ad altri.

Parlando di unità, la Polonia vuole dare all’Ucraina i suoi caccia MiG-29 ma non vuole che questa sia solo un’iniziativa polacca. Gli Stati Uniti hanno detto di no perché non volevano essere coinvolti nella guerra nel modo attivo che avrebbe significato inviare aerei dalla base aerea di Ramstein in Germania. L’UE può intervenire per aiutare l’Ucraina ora?

La fornitura di aerei da combattimento non è attualmente all’ordine del giorno. Ma bisogna ricordare che il 27 febbraio, solo 72 ore dopo l’invasione russa dell’Ucraina, l’UE ha adottato un pacchetto di aiuti senza precedenti per aiutare le forze armate ucraine a difendere il territorio e la popolazione dell’Ucraina. Questo pacchetto di aiuti includeva armi letali. Questa è una pietra miliare! È anche più di un momento storico. Ricordiamo che nel 2013 non siamo stati in grado di fornire nulla al Mali. [NdR: nonostante abbia monitorato da vicino l’acquisizione da parte degli islamisti del nord del Paese nel 2012, l’UE non è intervenuta militarmente. Invece, la Francia ha lanciato un intervento in cui è stata assistita da Germania, Danimarca e altri Stati membri dell’UE.] Per quanto riguarda le armi letali, stiamo inviando tutto ciò di cui gli ucraini hanno più bisogno, ad esempio munizioni e armi anticarro. Questo aiuterà gli ucraini a combattere per la libertà e la loro volontà di farlo è la sorpresa più importante in questa guerra. Né i russi né noi probabilmente abbiamo capito fino a che punto si sarebbero spinti gli ucraini per difendere la loro libertà. È così diverso dall’Afghanistan la scorsa estate, quando abbiamo visto le forze armate afghane svanire.

Qual è il suo ruolo in questo crescente ruolo militare che l’UE sta assumendo? Il governo ucraino si rivolge direttamente a lei con richieste di assistenza militare?

Funziona un po’ diversamente. Gli ucraini ci dicono di cosa hanno bisogno, gli Stati membri dell’UE controllano ciò che hanno e possono dare agli ucraini e noi, attraverso il personale militare dell’UE, funzioniamo da stanza di smistamento.

Un’idea che continua a circolare in ogni discussione sull’UE e le sue capacità militari è la prospettiva di un esercito dell’UE. Chiaramente non è fattibile, soprattutto considerando che la Germania e i Paesi Bassi hanno impiegato anni di lavoro scrupoloso per stabilire la loro divisione panzer congiunta. A parte una completa integrazione militare, cosa può fare l’UE per rafforzare le sue capacità militari, oltre all’aumento della spesa per la difesa, ovviamente? Come sappiamo, ai Paesi piace spendere soldi per armi prodotte dalle loro stesse compagnie.

Integrare le forze armate è davvero estremamente difficile, ma non impossibile. Si parte dalla volontà politica. Ma ciò che possiamo fare prima di tutto per rafforzare le nostre capacità militari è migliorare l’interoperabilità. Dopo questa guerra, dobbiamo concludere che la vita non sarà più come prima e che abbiamo fatto un salto indietro di almeno 70 anni. Come possiamo migliorare l’interoperabilità? Considera questo: l’esercito degli Stati Uniti, e persino l’esercito russo, usano solo un tipo di carro armato principale. Noi europei operiamo 17 tipi diversi. Ciò crea enormi problemi di manutenzione e fornitura e di formazione insieme. Le nostre marine e le nostre forze aeree hanno problemi simili. Stiamo parlando di un totale di 180 piattaforme diverse, mentre gli Stati Uniti ne hanno 30. Questo è davvero anacronistico e inaccettabile, soprattutto considerando che spendiamo collettivamente più di 250 miliardi di euro [circa $ 276 miliardi]all’anno per la difesa, che è molto più di quanto spende la Russia. Sì, dobbiamo spendere di più, ma dobbiamo anche spendere meglio evitando tale duplicazione. E non si tratta solo di soldi. Dobbiamo avere la mentalità di volerci allenare insieme e lavorare insieme. E quando ti schieri insieme, diventi credibile. Quando ero tenente, facevo parte di un gruppo bellico della NATO che faceva esattamente questo; ci siamo schierati in Paesi ai margini esterni della NATO, come Norvegia e Turchia. Era un gruppo molto ben formato e credibile. Ora che stiamo tornando indietro nella storia della sicurezza europea, anche l’UE dovrebbe essere in grado di fare queste cose.

Quando l’UE potrà schierare forze?

Ci siamo posti l’obiettivo del 2025 affinché la capacità di distribuzione sia pienamente operativa. Questo è un termine ambizioso perché significa che devi avere tutti gli abilitanti strategici che ho menzionato prima. Poi di nuovo, devi ricordare che l’UE non è responsabile della difesa collettiva. Questa è una responsabilità della NATO. Ma nell’attuale crisi, noi, l’UE, abbiamo risposto immediatamente non solo inviando aiuti militari in Ucraina, ma fornendo assistenza militare anche ad altri Paesi. Al momento, gli aerei coordinati dall’UE stanno effettuando, ad esempio, missioni di ricognizione in volo sulla Bosnia ed Erzegovina. Questo invia un messaggio di solidarietà al popolo bosniaco e un messaggio agli attori maliziosi che siamo pronti a reagire.

Il suo collega generale dell’esercito Oleksandr Sirsky, comandante delle forze di terra ucraine, deve affrontare un compito incredibilmente difficile. Qual è il suo messaggio per lui?

Voglio mandargli un messaggio di supporto. Il colonnello generale Sirsky è anche incaricato della difesa di Kiev e il piano originale del presidente russo Vladimir Putin era di catturare rapidamente Kiev. Grazie a lui e alle sue truppe, ciò non è accaduto. Voglio dirgli che siamo dalla loro parte, rimarremo dalla loro parte e che può contare su di noi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->