martedì, Settembre 28

Dopo Bruxelles la Francia schiera 1600 agenti di polizia in più

0

Alla luce degli attacchi terroristici a Bruxelles il ministro degli interni francese, Bernard Cazeneuve, comunica nel video di voler aumentare la sicurezza schierando 1.600 agenti di polizia in più alle frontiere e sui mezzi pubblici. Di questi, 400 poliziotti e gendarmi saranno mandati nella regione Ile-de-France intorno a Parigi, mentre tutti gli altri contribuiranno a fornire una maggiore sicurezza negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie e metropolitane. Cazeneuve ha anche detto che le aree pubbliche di stazioni ferroviarie e aeroporti saranno chiusi a chiunque senza biglietto o l’identificazione appropriata. Il ministro ha anche invitato l’Europa a potenziare ulteriormente il coordinamento e la lotta contro il terrorismo e il traffico di armi.

Intanto a Bruxelles tutti i mezzi di superficie, tram e bus, sono stati fatti rientrare dopo gli attacchi. Ora i mezzi pubblici di superficie che funzionano non portano oltre la Place Royale. Secondo l’ultimo bilancio, si conterebbero almeno 26 morti11 nello scalo e 15 nella metro – e un centinaio di feriti, alcuni dei quali ricoverati in gravissime condizioni. Inoltre Alitalia ha cancellato tutti i voli di oggi da e per Bruxelles. E’ stata anche chiusa la frontiera Belgio-Francia al traffico stradale e ferroviario. Bloccati i treni tra Germania e Belgio.

L’attentato, secondo quanto riferisce il sito del quotidiano egiziano ‘Al Watan’, è stato rivendicato dall’Isis, che ‘promette altre operazioni in Europa’.

 

(video tratto dal canale YouTube di FRANCE 24)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->