mercoledì, Luglio 28

Doortraits, una tendenza virale su Instagram Raffigurare porte e finestre sta diventando quasi un' ossessione

0

Una delle nuove e crescenti tendenze, quasi un’ ossessione, che spopola su Instagram è quella che riguarda le fotografie che ritraggono le porte, i cosiddetti ” Doortraits “: i fotografi possono essere professionisti o dilettanti. Erin Barnett, direttore di mostre e collezioni per l’International Photography Center di New York, aveva dichiarato che il fascino per le belle porte deriva dalla passione per la bellezza unita a un po ‘di curiosità.

«Evoca una sorta di voyeurismo, chiedendosi cosa sta succedendo dietro una porta o una finestra» – ha detto Erin Barnett – «E qui abbiamo pensato che stavamo solo progettando l’arredamento di case che non avremmo mai posseduto».

L’account Instagram Housesofldn (Houses of London) è tra quegli account che pubblica esclusivamente le immagini di porte: nello specifico di Londra, esortando gli altri follower a inviare le proprie immagini da condividere. Ma i “doortraits” coinvolge anche altri Paesi come Italia, Iran, Paesi Bassi.

 Nonostante sia una recente tendenza Instagram, raffigurare porte e finestre rimanda, nell’arte, ad un’antica tradizione in particolare agli artisti olandesi nel 17 ° secolo che ritraevano le porte considerandole ponti tra i due mondi, della strada e della casa. Negli anni Settanta il fotografo Roy Colmer aveva fotografato più di 3 mila porte di Manhattan. Anche il portoghese André Vicente Gonçalves, ha girato il mondo e ha creato «Doors of the World».

(Video tratto dal canale Youtube BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->