domenica, Maggio 16

Donald Trump, la détente con la Russia e la sfida nucleare

0
1 2


Le recenti dichiarazioni di Donald Trump riguardo alla necessità per gli Stati Uniti di rafforzare il proprio potenziale nucleare unite al deciso incremento del bilancio per la Difesa hanno sgombrato il campo da qualsiasi ambiguità intorno a quella che sarà la politica militare del nuovo Presidente. Parallelamente, esso hanno sgombrato il campo dai timori di una politica di appeasement troppo ‘spinta’, specie nei confronti di quelli che negli ultimi anni si sono imposti come i principali competitor di Washington sulla scena internazionale, ovvero Russia e Cina. Anche su questo punto, Trump si presenta, quindi, più come un elemento di continuità che di rottura rispetto a una certa tradizione ‘muscolare’ della politica estera statunitense. La cosa non deve stupire. Proprio Trump, in campagna elettorale, aveva più volte indicato nell’aumento delle spese per la Difesa una delle chiavi per ‘fare l’America di nuovo grande’. Lo stesso Trump, nella scelta dei suoi più stretti collaboratori, ha deciso di appoggiarsi a figure che – per scelta politica o estrazione professionale – non hanno mai nascosto il loro favore verso un rafforzamento delle capacità militari statunitensi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->