venerdì, Maggio 7

Donald Trump e la canzone virale delle USA Freedom Kids Una canzone che fa discutere. E la Rete non perdona

0

‘Freedom everywhere’, ossia libertà ovunque. Questo è ciò che cantano le USA Freedom Kids, tre bambine dai 7 ai 13 anni che hanno allietato il pubblico presente nell’ultimo appuntamento elettorale di Donald Trump in giro per l’America. Vestite con una tutina a stelle e strisce, le USA Freedom Kids hanno letteralmente stupito il pubblico statunitense, tanto che addirittura il video della loro canzone ora spopola sul Web. Molti i commenti ironici non solo sulle piccole ma anche sulla scelta di Trump, tanto che qualcuno si lancia in paragoni ‘forti’ con la propaganda di Hitler in Germania o, per rimanere nell’attualità, di Kim Jong-Un in Corea del Nord. Certo è che, anche in questo caso, il confronto con la futura rivale democratica Hillary Clinton, è impietoso. Per l’ex first lady si è esposta la popstar Katy Perry, ma il legale tra politica e mondo della musica è noto (così come i rifiuti). Vedi Bruce Springsteen, che appoggiò Barack Obama (mentre si rifiutò di dare una canzone a Ronald Reagan per la sua campagna elettorale), così come Madonna e gli U2. Insomma ognuno ha il cantante (o il motivo) che si merita, non trovate?

(video tratto dal canale Youtube della CNN)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->