domenica, Maggio 16

Domenica Marte si è opposto alla Terra field_506ffb1d3dbe2

0
1 2


Domenica 22 maggio il pianeta Marte è stato più luminoso del solito perché si è trovato in opposizione, termine che gli astrofisici indicano quando il pianeta si trova nella posizione opposta al Sole: in parole più semplici, diciamo che ieri Sole, Terra e Marte sono stati allineati su un unico asse virtuale pur guardandosi da parti opposte. Secondo l’astrologia, quando si formano gli aspetti di quadratura ed opposizione di Marte (pianeta definito dell’energia e dell’azione) possono accadere diversi eventi di cui -onestamente- non saremmo minimamente capaci di proferire alcun significato e se forse la posizione di Marte nella casa astrologica natale può far comprendere il settore di vita di manifestazione del transito completo, non ne sappiamo proprio niente e per questo siamo lontani da qualsiasi anticipazione.

Possiamo, però, affermare con la sicurezza astronomica che il 30 maggio prossimo il nostro Pianeta Rosso sarà alla distanza minima dalla Terra, ad appena 75,3 milioni di chilometri, come non accadeva da 11 anni. Aggiungiamo, per dovere di informazione, che se l’opposizione di un pianeta segna la minima distanza dalla Terra, nel caso di Marte se le due date non sono del tutto coincidenti è perchè il nostro vicino vive su un’orbita sensibilmente ellittica. Se l’orbita di Marte non fosse fortemente ellittica, le otto opposizioni di Marte che si verificano durante ogni ciclo sarebbero quasi identiche fra loro. E, poiché il pianeta che porta il nome del dio della guerra è stato completamente illuminato dal Sole, ci è apparso più grande e luminoso del solito. Dall’’Ansa‘ apprendiamo poi che visto dalla Terra, Marte ha avuto un diametro pari a un centesimo di quello del disco della Luna ed è stato più brillante di Sirio, che è la stella più luminosa del cielo. E del nostro, asseriamo che se Marte e Sole sono allineati con la Terra ma si trovano dallo stesso lato rispetto ad essa, si potrà affermare che Marte è in congiunzione col Sole.

Ma Marte, forse conscio che sta per essere esplorato dalla sonda europea ExoMars ha voluto mostrare anche un’altra virtù. Sabato scorso, il 21 maggio, il pianeta è stato anche in congiunzione con la Luna piena, su un angolo di soli 5 gradi, trovandosi nelle stelle dello Scorpione, tra cui c’è Antares, chiamata così -spiega sempre ‘Ansa‘- perché per il suo colore rosso è considerata rivale di Marte, che i greci chiamavano Ares.

Le idee cosmologiche dell’antica Grecia sono essenzialmente ricavabili dai poemi omerici secondo cui la Terra era concepita come un disco piatto circondato dal fiume Oceano. Al di sopra del disco, in forma di calotta semisferica, era posto il Cielo. E ancora più indietro, secondo la mitologia egizia, il Sole durante ogni notte veniva trasportato adagiato in un letto da ovest ad est lungo l’Oceano.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->