martedì, Luglio 27

Disney e l’enorme affare dell’acquisto di 21st Century Fox Quasi 52,4 miliardi di dollari in azioni, l’equivalente di circa 44 miliardi di euro, a cui vanno aggiunti 13,7 miliardi di dollari di debiti di Fox

0

Ormai è ufficiale: la Walt Disney Company ha ufficializzato l’acquisizione di buona parte di 21st Century Fox, la grande multinazionale di proprietà di Rupert Murdoch che, tra le altre cose, possiede la casa di produzione cinematografica 20th Century Fox. La cifra dell’affare ammonta a quasi 52,4 miliardi di dollari in azioni, l’equivalente di circa 44 miliardi di euro, a cui vanno aggiunti 13,7 miliardi di dollari di debiti di Fox, passati ora a Disney.

Si tratta di un accordo storico per l’industria dell’intrattenimento mondiale, che ora attende solo l’ok da parte dell’antitrust Usa. Disney controlla, oltre alle sue storiche case di produzione cinematografiche, Pixar (ideatrice di molti film per piccoli), Marvel (nota per i titoli sui supererori quali Iron Man e The Avengers) e Lucasfilm (legata alla saga di Star Wars). Poi controlla il network americano ABC e quello sportivo ESPN. COn la 21st Century Fox, Disney ottiene inoltre il controllo dei Simpson, la serie animata televisiva più di successo degli ultimi trent’anni, ma anche tanti altri format.

Tra i progetti in mente alla Disney quello di due nuovi servizi di streaming: uno sarà per lo sport e legato a ESPN, mentre l’altro sarà per i film e le serie tv. L’acquisizione di Fox da parte di Disney, quindi, dipende anche dall’ambizione di realizzare serie originali per i suoi servizi on demand. Ma non è tutto: 21st Century Fox possiede il 40% di Sky, il più grande network satellitare europeo, attivo in Regno Unito, Germania, Irlanda, Austria e Italia. E proprio la 21st Century Fox stava portando avanti da mesi un piano per ottenere la totalità delle azioni di Sky. In questo caso però la scalata potrebbe essere bloccata dalle autorità britanniche, se giudicheranno che violerà le leggi sul monopolio. A quel punto Disney sarà obbligata a comprare il 61%  delle azioni rimanenti, e secondo il ‘Financial Times‘ non avrà problemi a farlo perché non possiede media nel Regno Unito. Insomma diverrebbe un vero impero, dal quale però rimangono fuori pezzi importanti come Fox News, Fox Business, FS1, FS2, tra le principali reti televisive americane, che sono rimaste di proprietà di Murdoch. Comunque un affare, no?

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->