domenica, Ottobre 17

Disastro ferroviario di Andria agli occhi del mondo

0

Il disastro ferroviario di Andria in cui sono rimaste uccise 23 persone, ha sconvolto l’opinione pubblica mondiale. La notizia dello scontro avvenuto tra due treni che viaggiavano sullo stesso binario è rimbalzata sui telegiornali internazionali, tra cui il network americano ‘CNN‘, scatenando polemiche e numerose manifestazioni di cordoglio.

«I Commissari europei hanno espresso molta vicinanza all’Italia e alle vittime che purtroppo ci sono state in Puglia» ha affermato da Bruxelles il Ministro delle Riforme Maria Elena Boschi, aggiungendo che i commissari europei hanno «espresso sostegno alle riforme ma anche vicinanza perché capiscono che sono giorni difficili per noi e per i nostri cittadini».

Nel frattempo ad ammettere le proprie colpe vi è il capo stazione della stazione di Andria, Vito Piccarreta, che a ‘Repubblica‘ dichiara «È vero quel treno non doveva partire. E quella paletta l’ho alzata io: non sapevo che da Corato stesse arrivando un altro treno per questo ho dato il via libera». A cui si aggiunge la moglie, anch’essa distrutta dal dolore «In questa storia anche noi siamo delle vittime. Siamo disperati ma un solo errore non può aver causato tutto questo. Stiamo soffrendo quelle immagini sono inaccettabili, tutto quel dolore, quello che è accaduto è incredibile. Ma non è pensabile dare la colpa di quello che è successo soltanto a un errore umano. Non è così»

(fonte video tratta da canale YouTube ‘CNN‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->