giovedì, Maggio 6

Dinosauri, in arrivo una nuova (e rivoluzionaria) classificazione

0

La storia evolutiva dei dinosauri potrebbe essere riscritta. Almeno in parte. A dirlo alcuni paleontologi dell’Università di Cambridge, in Gran Bretagna, e del Natural History Museum di Londra, che sulla rivista ‘Nature‘ hanno ridisegnato l’albero filogenetico di questi animali. I ltutto grazie alle nuove scoperte.

Nel 1888 il paleontologo Harry Govier Seeley diede il via alla prima classificazione dei dinosauri, con due grandi gruppi stabiliti in base a differenze sostanziali nelle ossa del bacino. Un secolo dopo toccò a Jacques Gauthier che mostrò come ornitischi e saurischi condividevano diversi tratti che li distinguevano nettamente da tutti gli altri animali, e che quindi verosimilmente discendevano da un unico antenato comune. Quindi i saurischi si sono differenziati in sauropodi e teropodi, per una classificazione che è durata quasi fino ad oggi. Rimaneva incerta la collocazione di un altro gruppo di dinosauri, gli herrerasauri, animali con caratteristiche sia di saurischi che dei teropodi. Ed ecco arrivare quindi la nuova classificazione su basi scientifiche più accurate. E a comparire è un nuovo gruppo evolutivo, che vede affiancati ornitischi e teropodi, che condividono 21 caratteristiche ereditate da un antenato comune e non solo. Il secondo raggruppamento affianca invece i sauropodi agli herrerasauri, e non ai teropodi carnivori.

I ricercatori ipotizzano che l’antenato comune di tutti i dinosauri fosse onnivoro, basandosi anche sul fatto che negli esemplari più antichi di tutti questi gruppi i denti avevano forme diversificate. E ora si aspetta solo la ‘certificazione’.

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->