giovedì, Luglio 29

Di Pietro VS Grillo: il ritorno di Italia dei Valori preoccupa la Raggi a Roma Un problema in più per la sindaca Virginia Raggi –che, in passato, come Luigi Di Maio, votò IdV- che si trova ora un temibile concorrente nella sua stessa area elettorale

0

Ormai i giochi sono fatti. Italia dei Valori tornerà in campo. Il primo luglio ci sarà una presentazione ufficiale in sede istituzionale e il primo impegno politico su cui si confronterà sono le amministrative romane che si terranno il prossimo ottobre. Ovviamente l’orizzonte politico sono le politiche del 2023.

La posta in gioco questa volta non è alta, ma altissima. Si tratta di intercettare tutto l’elettorato movimentista e populista in libera uscita dal Movimento Cinque Stelle dopo la svolta moderata di Grillo – Di Maio – Conte. Una scelta inevitabile se si vuole sostenere il governo del ‘banchiere’ Draghi.

Si costituiranno gruppi alla Camera e al Senato sotto il simbolo del gabbiano grazie ai deputati e senatori usciti proprio dal Movimento Cinque Stelle.

Tra i nomi il presidente dell’Adusbef Elio Lannutti, l’ex ministro della Difesa Elisabetta Trenta, la testimone di Giustizia Piera Aiello.

Per ora Antonio Di Pietro, il magistrato simbolo di Mani Pulite, non si è espresso ufficialmente, ma ha dato la benedizione all’intero progetto durante la due giorni di riunioni riservate che si sono tenute nello studio di un avvocato romano in Prati. Anzi, Di Pietro ha indicato proprio Roma e le sue amministrative la città da cui ricominciare.

Certamente un problema in più per la sindaca Virginia Raggi –che in passato come Luigi Di Maio votò IdV- che si trova ora un temibile concorrente nella sua stessa area elettorale.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giornalista professionista e scrittore. Laureato in Fisica. E’ stato anche deputato della Repubblica.

End Comment -->