venerdì, Giugno 18

Detroit: ecco l’auto a guida autonoma che porterà le pizze Accordo Ford-Domino's Pizza: i test sono condotti ad Ann Arbor, nel Michigan, su una vettura dotata di sistemi di guida autonoma di livello 4

0

«Nel futuro non ci sono solo nuovi modelli elettrificati o a guida autonoma, c’è un nuovo concetto delle mobilità che va esplorato e analizzato in tutti i suoi risvolti che non sono solo tecnici ma anche sociali, psicologici…» ha detto l’uomo Ford, Jim Hackett. Perché ora si pensa al futuro e a nuovi modi di concepire la guida.

«Dal nostro accordo con Domino’s Pizza sono emersi tutti i risvolti delle consegne a domicilio: i percorsi e i tempi, se il destinatario è assente o non apre la porta; possiamo anche immaginare che se il ‘fattorino’ non è una persona in carne ed ossa ma una macchina robot, chi ritira non si faccia più scrupolo di uscire in ciabatte o con i bigodini, tutte cose da considerare», ha detto, presentando il nuovo modello Ford con guida autonoma.

I test sono condotti ad Ann Arbor, nel Michigan, su una vettura dotata di sistemi di guida autonoma di livello 4. Una volta effettuata l’ordinazione tramite app, i clienti possono tracciare in ogni momento la posizione del veicolo e ricevono un messaggio all’arrivo, con il quale possono sbloccare lo sportello posteriore dove viene posizionata la pizza. La procedura è dunque completamente automatica. A bordo della vettura, però, c’è sempre un tecnico.

Ma questa è solo una delle novità presentate a Detroit. Perché la guida autonoma sembra essere davvero l’obiettivo di molte case automobilistiche.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->