martedì, Maggio 18

Democrazia in Grecia: una realtà autentica?

0
1 2


Atene – La democrazia diretta, anche detta ‘democrazia pura‘ è una forma di democrazia in cui il popolo stesso, più che i suoi rappresentanti eletti, determina le leggi e la politica da cui è governato. Si applica con referendum basati sulla libera iniziativa dei cittadini.
Il sistema politico in Grecia non è nemmeno rappresentativo. Ha un disfunzionale sistema parlamentare con un Primo Ministro eletto, ma molto potente. Non esiste separazione dei poteri giacché l’esecutivo è totalmente controllato dal legislativo e, per estensione, dal giuridico. Inoltre non vi è alcun progresso riferibile alla democrazia diretta”, afferma Petros Vourlis, attivista politico e fondatore del blog refererendumsforgreece(https://referendumsforgreece.wordpress.com/), il cui intento è di condividere informazioni riguardanti la democrazia diretta e le sue istituzioni; prima tra tutte, l’idea dei referendum di niziativa popolare.
La vera democrazia si basa, a suo giudizio, su due pilastri fondamentali:
1) Referendum di iniziativa popolare basati sul sistema Svizzero, ancora un lusso sconosciuto in Grecia

2) Partizione (de-concentramento) del potere centrale

Il potere centrale in Grecia decide praticamente su tutto. Secondo Petros, “la maggior parte delle decisoni (eccetto per la difesa e le politiche estere) dovrebbero essere prese da realtà “vicine” ai cittadini, cioè dai municipi e dalle prefetture. In questo modo i cittadini avrebbero l’opportunità di partecipare in misura maggiore al processo decisionale e di rigettare una legge a cui la maggioranza si oppone”.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->