domenica, Settembre 19

Dazi Usa: fuori Ue, ma la Cina promette battaglia Caso Facebook: inserzionisti britannici pronti all'addio. E la Ue tuona: 'Non basta un post per risolvere la questione'

0

E’ cominciata l’evacuazione di miliziani e civili da uno dei sobborghi della Ghuta orientale vicino Damasco. Fonti sul terreno affermano che circa 1.500 miliziani di Ahrar ash Sham, milizia sostenuta dalla Turchia, si sono arresi nelle ultime 48 ore alle forze russe e governative siriane e che stamani hanno cominciato a lasciare Harasta, nella parte occidentale della Ghuta assediata. Nella Ghuta rimangono ora altre due milizie, Jaysh al Islam vicina all’Arabia Saudita, e Faylaq ar Rahman appoggiata dal Qatar.

In Somalia, almeno cinque persone sono morte e diverse altre sono rimaste ferite nell’esplosione di un’autobomba vicino ad un hotel a Mogadiscio. La strada coinvolta era già stata un obiettivo del gruppo terroristico somalo degli Al Shabaab che attaccano spesso la capitale.

Il presidente delle Maldive, Abdulla Yameen Abdul Gayoom, ha revocato lo stato di emergenza in vigore nell’arcipelago dal 5 febbraio scorso. In un comunicato si ricorda che «l’annuncio dell’introduzione dello stato di emergenza era stato determinato da una crisi costituzionale creata da due giudici della Corte Suprema che hanno cospirato con personalità politiche per rovesciare illegalmente un governo eletto».

In Slovacchia invece il presidente Andrej Kiska ha nominato come primo ministro Peter Pellegrini (Smer, democratici sociali). “x vicepremier, sostituisce Robert Fico che ha presentato le sue dimissioni la settimana scorsa in seguito all’omicidio del giornalista Jan Kuciak. Si prevede che il voto di fiducia possa avvenire domani.

Chiudiamo con Gaza, perché Anas Abu Houssa, il palestinese sospettato dell’attentato al premier dell’Anp Rami Hamdallah, è stato catturato dalle forze di sicurezza di Hamas dopo un pesante scontro a fuoco nel campo profughi di Nusseirat. Nella sparatoria sono rimasti uccisi un suo congiunto e due agenti dell’intelligence di Hamas.

Visualizzando 2 di 2
Visualizzando 2 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->