martedì, Luglio 27

Davos: è iniziato il World Economic Forum Il tema: "creare un futuro condiviso in un mondo frammentato"

0

Circa tre metri di neve che hanno coperto le strade, creando disagi, hanno atteso l’ arrivo di duemila uomini tra delegati,  uomini di affari  e più di 70 capi di stato a Davos. Oltre Cinquemila militari, 341 dispositivi di sicurezza .Ancora incerta la presenza del Presidente americano Donald Trump al World Economic Forum.  Gli alberghi e gli appartamenti sono al colmo da giugno.Il programma va dai seriosissimi incontri sull’economia, sulla fame nel mondo fino ai vaccini.

Greenpeace ha già trasportato in Paese un’enorme statua della dea Giustizia per ricordare chi lotta per la libertà e le diseguaglianze. Mentre l’organizzazione svizzera Campax vorrebbe accogliere con proteste Trump.  Creare un futuro condiviso in un mondo frammentato” sarà il tema di questa edizione del World Economic Forum che si tiene come di consueto a Davos.

Gli organizzatori del forum si augurano che i partecipanti  possano confrontarsi sulle modalità per rinnovare l’impegno nella cooperazione internazionale in settori come l’ economia, la tecnologia, il cambiamento climatico. Per accaparrarsi uno spazio nei cinque giorni del forum, decine di multinazionali come Facebook, Google, hanno sborsato più 25 mila dollari necessari ad affittare una sala e il mezzo milione per una palazzina a due piani.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->