martedì, Ottobre 19

David Bowie Lottare contro il lutto (con una risata)

0

Al bar di Mario il geometra Zenone sfoglia il quotidiano davanti a un bel caffè brunito.

Così è morto anche lui”,  dice “David Bowie. Mi sembra ieri che usciva ‘Heroes’ e noi si ballava nudi in Parco Lambro…”.
Era malato da tempo”, abbozza l’Assessore alle politiche giovanili Abbozzo “dopo la morte della sinistra un altro lutto che colpisce le basi della nostra storia antagonista”.
Cialtronate!”, replica Pistozzi, rubizzo accolito della Lega Nord, fedele al punto tale da chiamare la figlia Indipendenza, il cane Nabucco e il canarino Celpadano. “Lo sanno tutti che Bowie leggeva Goebbels e pippava coca come ogni buon leader della destra!”.
Quello forse quando era giovane e giocava a provocare…”, obietta il giovane Acido, rapper corrosivo di periferia.
Ma cosa provocare, si chiama pragmatismo. E poi”, fa Pistozzi “Ce lo vedi Piero Fassino a ballare ‘Rebel rebel’? La verità è che a voi comunisti dà fastidio quando un’icona culturale non sventola la vostra bandiera!”.

Richtig, schwanz!”, conferma il fantasma di Otto Von Bismarck che aleggia sopra i loro capi “Noi avere grandi esempi di uomini cantanti! Herr Povia, Malnatt, Mariano Apicella! Viva il Reich e viva David Bowie!”.

Plaude ironicamente l’ateo apolitico atarassico Arturo, agitando ostentatamente la sua copia de ‘Il Fatto Quotidiano’. Non lo legge mai ma quando va sul Ticino a pescar raganelle gli funziona da esca meglio di qualsiasi verme panciuto.
Certo che qui si fa a gara a chi dice più idiozie, eh? Ma lo sapete cosa succedeva a Londra, poco prima che morisse Bowie?”.
No!”, ruggisce Tano, il meccanico “Ho dimenticato di mangiare il pudding, a Londra!”, e scappa via, maledicendo l’insana tradizione italiana di andare all’estero e mangiare spaghetti. O McDonald.
Succedeva che Aaron Ramsey faceva goal in ‘FA Cup’! E sapete cosa succede quando Aaron Ramsey fa goal?”.
Falcidia un sacco di innocenti fili d’erba?”, prova l’ambientalista Pozzi.
Il tifo esplode, come vorrebbe il califfato?”, ride, e lo fa solo lui, il provetto comico Sciagura.

Ma è morto davvero David Bowie?”, chiede il vecchietto col bianchino a Mario, il barista.
Negher!”, sbotta Pistozzi, pigiando sul bancone e facendo schizzare per aria due spritz, una Samsonite e il bianchino del vecchietto da bar che, per il dolore, schiatta sul colpo “La colpa è sempre e solo dei negher!”.

Quel che accade dopo è prevedibile devastazione: il tetto del bar si scoperchia e un’orda di alieni dagli occhi bicolor invade il locale cantando ‘Starman’. Sondano il cervello di Pistozzi ma non trovando tracce di intelligenza gli danno fuoco e offrono bitter a tutti. Mario, il barista, è restio e vuole essere pagato in anticipo, ma gli alieni danno fuoco anche a lui e assaltano il banco dell’alcol, elargendo a chiunque  B-52 incendiari e usando il corpo del vecchietto da bar come shaker. In mezzo alle fiamme e alle ceneri Tarocco il cartomante si avvicina e si accende una sigaretta.

E che si fotta Sirchia”, mugugna suggendo come se non vi fosse domani.
Tutt’attorno solo caos e distruzione.

Il geometra Zenone nel frattempo è arrivato tranquillo in fondo al quotidiano, nella sezione dei programmi televisivi.
Per fortuna stasera Bruno Vespa presenta ‘David: amico, collega, plastico’ “, dice finendo di sorseggiare il suo caffè.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->