mercoledì, Maggio 19

Darren Osborne: il profilo dell’attentatore di Finsbury Park

0

48 anni, inglese, sposato e con quattro figli a carico, residente a Cardiff. Sono queste le generalità di Darren Osborne, l’uomo di 48 anni arrestato dalla polizia di Londra per essere piombato con un furgone sopra un gruppo di persone fuori dalla moschea di Finsbury Park, a nord della capitale inglese.

Il teatro dell’ultimo fatto di sangue, in una città ancora alle prese con le cicatrici dell’attacco di London Bridge del 3 giugno e degli almeno 79 morti del micidiale incendio killer alla Grenfell Tower, è stata Seven Sisters road e la moschea di Finsbury Park, ex bastione dell’estremismo di matrice islamica ma da qualche anno esempio di dialogo ecumenico. Alla fine una decina di feriti e un morto, un anziano che a quanto pare era già a terra per un malore.

Osborne, accusato di avere progettato e compiuto materialmente l’attentato, vive con la sua famiglia a Pentwyn, un sobborgo di Cardiff, in Galles, ma è di nazionalità inglese, essendo originario della cittadina di Weston Super Mare. Secondo quanto riportano i media britannici, l’uomo avrebbe noleggiato il camioncino usato per l’attentato alla modica cifra di 80 sterline al giorno.

Un attacco «ripugnante esattamente come gli altri atti di terrorismo che hanno colpito il Regno Unito, dalla strage di Manchester del 22 maggio all’attentato di London Bridge e Borough Market del 3 giugno. Londra non si arrende all’odio e nemmeno tutto il Regno Unito» ha detto la premier Theresa May. Certo che le ritorsioni contro i musulmani sono sempre di più all’ordine del giorno.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->