venerdì, Aprile 16

Danimarca: ecco la LEGO house Ieri, il 28 gennaio, i mattoncini LEGO hanno compiuto 60 anni.

0

Quella che si vede nel video è la LEGO House che ha aperto a Billund, in Danimarca. Si articola in 130.000 metri quadrati di spazio di gioco per tutti i fan dei mattoncini. L’edificio stesso sembra costruito con i mattoncini LEGO. La LEGO house si divide in quattro diverse zone tematiche. All’interno sono presenti 25 milioni di mattoncini LEGO. Un gigantesco albero di LEGO occupa il centro dell’ edificio ed è composto da oltre 6 milioni di mattoni. 

Ieri, il 28 gennaio, i mattoncini LEGO hanno compiuto 60 anni. Infatti è nel 1958 che il ‘signor Lego’, Ole Kirk Kristiansen brevetta il mattoncino (il brevetto è il numero 92683). Falegname, Kristiansen nel 1932 inizia a produrre scale e qualche giocattolo di legno. Successivamente, nel 1934 la ditta prende il nome di LEGO, contrazione delle parole danesi ‘leg’ e ‘godt’, cioè ‘gioca bene’ . Nel 1942 un incendio distrugge la fabbrica, ma Kristiansen decide di continuare a dedicarsi alla costruzione di giocattoli di legno. Nel 1949 viene venduto esclusivamente in Danimarca il primo set di “mattoncini automatici ad incastro” (Automatic Binding Bricks) quello che nel 1953 diventerà Lego Bricks. Il vero boom si ha con l’ introduzione della plastica e del colore. Al momento, Lego Group produce più di 20 miliardi di mattoncini l’anno. 

(Video tratto dal canale Youtube Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->