martedì, Maggio 17

Da YouPorn a WarPorn. La fruizione pornografica della Guerra Era meglio se continuavate con Valentina Nappi, piuttosto che con Monica Maggioni

0

Da YouPorn a WarPorn l’evoluzione e il passaggio degli spettatori italiani (e spettatrici, naturalmente) è stato veloce e catastrofico. L’attaccamento ai video di sensazioni altrui credendo di esserne protagonisti ha la medesima qualità e dinamica. Si capisce la volontà e la necessità di essere informati sul conflitto Ucraino, e su cosa fa la Russia, e tutto il resto. Ma c’è una fruizione dell’informazione in generale, e dell’informazionetelevisiva‘ in particolare, che ha la stessa dinamica e consistenza di quella dei video porno. E allora, del caso, meglio quelli.

Sul fatto che le pippe facciano male ognuno è libero di pensarla come gli pare, anche se non è detto che in materia i preti avessero del tutto torto, però la nocività delle pippe mentali è fuori discussione. E terrorizzati ed allo stesso tempo affascinati dallo spettacolo della Guerra gli italiani nella massima parte si sono trasformati in un popolo di guardoni. Incapaci di staccarsi da immagini che subiscono passivamente. E di cui sempre più bramano cibarsi.

Ché era meglio se continuavate con Valentina Nappi, piuttosto che con Monica Maggioni, che ha occupato manu militari tutti gli spazi del suo TG1, di Rai1 e di tutto il resto, così che uno ogni tanto crede di averla vista pure su Rai Yoyo. O magari non crede solamente. In ogni caso l’ipotesi di invertire tra loro ruoli e funzioni non è da sottovalutare. Entrambe sembrano avere indubbie qualità e potenzialità pure per il ruolo dell’altra…

E qui chiudiamo, troppo brevi certo, un po’ perché non abbiamo più tempo per sviluppare il tema con l’orario di pubblicazione che incalza, ma soprattutto perché già è tanto se vi abbiamo strappato questi minuti di lettura, e dai che magari vi scappa la diretta di un bombardamento su Kiev in presa diretta, e sono sensazioni quasi orgasmiche soprattutto se si sta in una bella casa calda di Roma Milano Napoli Cagliari Busto Arsizio Rodi Garganico Alessandria Agrigento Serbadone di Sotto, ma anche non tanto bella e non tanto calda ma comunque lontana da chi la Guerra la vive davvero. E son soddisfazioni…

[Questo pezzo è totalmente privo di Link a canali televisivi e digitali che forniscono no stop video bellici, tanto ci siete continuamente attaccati da soli. Quanto agli altri figuriamoci se abbiamo qualcosa da insegnarvi…].

DA YOUPORN A WARPORN /1 (continua)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giornalista. Editore con ‘La Voce multimedia’

End Comment -->