domenica, Maggio 22

Da sempre una grande potenza mediorientale, Israele è ora il perno Israele è la chiave per la sicurezza delle autocrazie del Golfo e per il continuo impegno degli Stati Uniti in Medio Oriente

0

Un messaggio chiaro è emerso dall’incontro di questa settimana nel deserto del Negev dei Ministri degli esteri di quattro Paesi arabi, Israele e Stati Uniti: Israele è la chiave per la sicurezza delle autocrazie del Golfo e per il continuo impegno degli Stati Uniti in Medio Oriente.

Potrebbe essere un messaggio che in superficie offre la promessa di una riduzione della tensione regionale, dell’inizio di un riadattamento dell’architettura di sicurezza della regione e della maggiore capacità del Medio Oriente di cavarsela sempre più da solo.

Uno sguardo meno superficiale suggerisce che potrebbe esserci meno in facciata che i ministri degli Esteri di Emirati Arabi Uniti, Egitto, Bahrain, Marocco, Israele e Stati Uniti stanno erigendo.

Ciò che emerge è che gli Stati del Golfo, compresi gli Emirati Arabi Uniti, una volta descritti come ‘Piccola Sparta’ dall’ex segretario alla Difesa statunitense Jim Mattis a causa della loro abilità militare, non sono in grado di difendersi dalle minacce esterne nonostante siano tra i più principali acquirenti delle armi più sofisticate.

Sono anche meno propensi di Israele a mantenere gli Stati Uniti impegnati in Medio Oriente quando Washington vede le sue sfide critiche per la sicurezza nazionale altrove.

Gli Emirati Arabi Uniti, come l’Arabia Saudita, devono ancora lanciare un’impresa militare straniera di successo o impregnare con successo il proprio territorio contro gli attacchi di avversari stranieri. Gli Emirati Arabi Uniti si sono parzialmente ritirati dalla guerra in Yemen di sette anni senza raggiungere i suoi obiettivi militari nonostante abbiano lasciato dietro di sé delegati locali, mentre l’Arabia Saudita sta cercando una fine del conflitto che salvi la faccia.

La coalizione guidata dai sauditi martedì ha dichiarato un cessate il fuoco di un mese durante il mese sacro del Ramadan durante un vertice dei leader del Consiglio di cooperazione del Golfo che raggruppa Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Kuwait, Qatar e Oman. I ribelli Houthi dello Yemen si sono rifiutati di partecipare all’incontro perché si è tenuto a Riyadh, la capitale di uno dei principali protagonisti della guerra.

Nel frattempo, i due stati del Golfo non sono stati in grado di proteggere le loro infrastrutture e impianti petroliferi dagli attacchi di missili e droni dei ribelli e potenzialmente dello stesso Iran.

L’importanza di Israele per gli stati arabi è stata evidenziata dal fatto che il primo raduno in assoluto, in particolare sul suolo israeliano, è stato convocato dallo stato ebraico piuttosto che dagli Emirati Arabi Uniti, ad esempio, e tenuto a casa di David Ben Gurion, un fondatore e il primo primo ministro di Israele.

Certamente, la crisi ucraina ha riportato in primo piano l’importanza del Medio Oriente, che si tratti della diversificazione dell’offerta di petrolio e gas all’Europa, dell’impatto del Medio Oriente sulla sicurezza oltre i suoi confini, o della stabilità in un’era di sfida e dissenso con l’aumento dello spettro delle rivolte per il cibo in vari paesi del Medio Oriente a causa dell’impennata dei prezzi delle materie prime.

Accettando di partecipare a un incontro nel kibbutz di casa Ben Gurion, che i palestinesi ritengono corresponsabile della loro difficile situazione, i ministri degli esteri arabi hanno ulteriormente sottolineato il potere israeliano nella regione.

Hanno anche ignorato il fatto che la serie di uccisioni di israeliani negli ultimi giorni da parte di apparenti lupi solitari palestinesi suggerisce che i palestinesi fanno tanto parte dell’equazione di sicurezza di Israele e della regione quanto lo sono l’Iran, gli Houthi o la milizia sciita libanese con poteri politici. festa, Hezbollah.

Le uccisioni sono avvenute alla vigilia di un mese di importanti festività religiose musulmane, ebraiche e cristiane che potrebbero suscitare emozioni in luoghi sacri sensibili a Gerusalemme.

Inoltre, i palestinesi e altri avranno notato che in un momento in cui l’invasione russa dell’Ucraina domina i titoli dei giornali, tre dei sei partecipanti al vertice – Israele, Emirati Arabi Uniti e Marocco – occupano terre straniere e/o sono intervenuti militarmente in conflitti oltre i loro confini.

Il re Abdullah di Giordania, insieme al Sudan, gli altri due paesi arabi che hanno riconosciuto Israele, ha voluto visitare il presidente palestinese Mahmoud Abbas a Ramallah, in Cisgiordania, il giorno del vertice, piuttosto che unirsi al raduno. Israele conquistò la Cisgiordania durante la guerra in Medio Oriente del 1967.

L’importanza di Israele non è semplicemente la sua abilità militare e tecnologica e la sua capacità e volontà, in contrasto con gli Stati Uniti, di affrontare l’Iran nello stesso Iran così come in Siria e nel cyberspazio, ma anche che è l’unico paese mediorientale che può vantare una significativa base popolare di base negli Stati Uniti.

Questo dà a Israele quel tipo di influenza a Washington che non può essere ottenuta spendendo milioni di dollari in servizi di pubbliche relazioni e società di lobbying.

Significa anche che tra il suggerimento che gli Stati Uniti potrebbero ridurre il loro impegno in Medio Oriente per concentrarsi meglio sull’Indo-Pacifico e sull’Europa sulla scia dell’Ucraina, Israele è l’unico stato regionale che manterrà la piena attenzione di Washington.

Di conseguenza, è sempre più probabile che Israele abbia un ruolo, e lo ha già fatto spesso, non solo nella sicurezza regionale ma nelle relazioni tra gli Stati Uniti e vari stati arabi su molteplici questioni, inclusa la vendita di armi.

“Ben-Gurion sarebbe stato orgoglioso del fatto che, date le percezioni arabe che gli Stati Uniti sono impegnati a ridimensionare il Medio Oriente, Israele sia accolto dai principali stati arabi, ampliando il suo profilo regionale e almeno in parte colmando quel vuoto”, ha affermato il Washington Institute per David Makovsky, analista della politica del Vicino Oriente ed ex funzionario statunitense.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->