lunedì, Maggio 17

Da Parigi a New York, fino a Cuba: 1° maggio di proteste

0

Primo maggio movimentato in giro per il mondo. Oltre alla Grecia infatti, diversi gli episodi ad alta tensione.  A partire da Parigi, dove sono andati in scena scontri tra polizia e black bloc durante la manifestazione sindacale, tra Place de la Republique e la Bastiglia. Altri scontri si sono registrati nei pressi di place de la Nation.

Problemi anche a Berlino, mentre a New York sindacati e gruppi per i diritti civili sono scesi in piazza per protestare contro le misure prese dal presidente Donald Trump contro l’immigrazione. Corteo di protesta dei lavoratori invece a Manila, nelle Filippine, che chiedono un aumento del salario giornaliero. Milioni di persone hanno partecipato ai cortei per il primo maggio organizzati in diverse città cubane, gli ultimi sotto il governo del presidente Raul Castro. A Cuba tradizionalmente la Festa dei lavoratori assume la veste di una marcia a sostegno del governo, che rimane il datore di lavoro di circa il 70% della forza lavoro dell’isola.

E proteste e scontri sono avvenuti anche in Turchia, a Istanbul per le celebrazioni del primo maggio. Circa 200 persone sono state fermate, la polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti, che si dirigevano nonostante i divieti verso piazza Taksim. «Lunga vita al Primo maggio, no al dittatore!», urlavano, con esplicito riferimento a Recep Tayyp Erdogan.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->