sabato, Luglio 24

Cuba invasa da lumache giganti africane Secondo i media locali stanno proliferando nell'area di Miramar, nelle vicinanze dell'area delle ambasciate a circa 10-12 km dal centro dell'Avana

0

Migliaia di lumache sono state segnalate nel Parco Metropolitano dell’Avana, a Cuba. Secondo i media locali stanno proliferando nell’area di Miramar, nelle vicinanze dell’area delle ambasciate a circa 10-12 km dal centro dell’Avana.

La lumaca africana gigante è originaria dell’Africa orientale, specialmente nelle aree del Kenya e della Tanzania, sebbene si sia diffusa in Asia e in America. Ma come sono arrivate queste lumache a Cuba? Gli esperti non sono sicuri. «Non conosciamo le vere cause, ma è stato in grado di farlo per ragioni culturali, sia ornamentali che religiose, che hanno motivato l’ingresso nel Paese», ha detto Michel Matamoros Torres, ricercatore dell’Istituto per la ricerca sulla salute delle piante (INISAV).

Nei campi colpiti ci sono diverse teorie, in particolare si parla di una persona che li ha allevati come animali domestici e sono sfuggiti. Ma molti pensano che le lumache siano arrivate a Cuba per usarle nei riti di origine africana.

La lumaca africana gigante  è stata inserita tra le 100 specie nocive più invasive al mondo, oltre a considerarlo come il vettore principale nel mondo di Angiostrongylus cantonensis, che causa la meningite eosinofila nell’uomo. L’infezione da questo parassita si verifica accidentalmente o intenzionalmente ingerendo lumache e lumache crude. Anche la lattuga e altri ortaggi a foglia possono essere una fonte se contaminati da piccoli molluschi.

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->