domenica, Giugno 13

Cuba: Fidel Castro e il suo discorso di addio In occasione del settimo Congresso del Partito Comunista Cubano, Fidel spiazza tutti col suo commiato

0

Dopo un lungo distacco dalla scena pubblica e politica, Fidel Castro torna a far parlare di sé con quello che potrebbe essere il suo ultimo discorso in pubblico, in occasione del settimo Congresso del Partito Comunista Cubano che si è svolto ieri a porte chiuse. L’ex Presidente cubano esordisce con la sua ordinaria tenuta sportiva, seduto accanto al suo successore e fratello, Raul Castro, ieri rieletto primo segretario del PCC, con quello che è, senza dubbio, un breve, ma incisivo, discorso d’addio: “Presto avrò 90 annidice, “e presto sarò come tutti gli altri. Arriva il turno di tutti“, mentre è interrotto da un fragoroso applauso. Poi continua: “Può darsi che questa sia l’ultima volta che parlo in questa stanza“.

Il suo discorso è anche una calorosa rassicurazione sul fatto che gli ideali e i valori comunisti non verranno mai dimenticati: “Le idee dei Comunisti cubani rimarranno per sempre e saranno la prova che su questo pianeta, se lavori molto e con dignità, puoi produrre i beni materiali e culturali di cui gli esseri umani hanno bisogno“. Un’esortazione a non dimenticare e a far sopravvivere gli ideali e i valori comunisti cubani, di cui Fidel è il portavoce più importante, in quanto storico fondatore del Partito Comunista Cubano. Il pubblico, nel frattempo, lo accompagna con grande solidarietà, con una standing ovation e con cori d’affetto.

 

(Video tratto dal canale Youtube: Associated Press)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->