martedì, Giugno 15

Cuba e l’immagine degli USA in America Latina

0
1 2


Nel dicembre del 2014, l’allora Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, dichiarò che, per la prima volta dal 1962, Washington avrebbe riaperto i rapporti diplomatici con Cuba e posto fine all’embargo.

La notizia fece il giro del mondo: Obama, assieme al Presidente di Cuba, Raúl Castro, era l’uomo del momento, colui che era stato in grado di superare una impasse lunga più di cinquant’anni. I rapporti tra Cuba e gli USA, infatti, avevano cominciato ad incrinarsi già nel 1959, anno della vittoriosa rivoluzione di Fidel Castro, fratello dell’attuale Presidente, e Ernesto ‘Che’ Guevara. Dopo la rivoluzione del ’59 e la fuga del dittatore Fulgencio Batista, la piccola Cuba si era avvicinata sempre più all’Unione Sovietica fino a divenire una Repubblica Socialista. Il sostegno iniziale di Washington a Batista e l’azione delle grandi aziende statunitensi che controllavano tutte le principali risorse dell’isola contribuirono a spingere il Governo rivoluzionario, che in un primo momento non era così filo-sovietico, in quella direzione: a sua volta, la nazionalizzazione delle industrie, con conseguente esproprio di proprietà delle grandi aziende USA, voluta da L’Avana provocò la reazione del potente vicino.

Nel 1961 si ebbe lo sbarco alla Baia dei Porci: il tentativo di un gruppo di fuoriusciti, sostenuti dal Governo degli Stati Uniti, di invadere l’isola ed abbattere abbattere Fidel Castro. Il tentativo fallì e sancì definitivamente l’ingresso di Cuba nella sfera di influenza sovietica. L’anno seguente, lo stesso in cui entrò in vigore l’embargo, ci fu la crisi dei missili di Cuba che sembrò sul punto di trasformare la Guerra Fredda in una guerra nucleare e tenne il mondo intero con il fiato sospeso.

Da allora, i rapporti tra i due Paesi sono stati tesi: da un lato gli Stati Uniti garantivano accoglienza e sostegno agli oppositori del Governo di L’Avana e tenevano ben stretto il nodo dell’embargo, dall’altro, Cuba si appoggiava all’Unione Sovietica per garantirsi un sostentamento economico altrimenti molto difficile; da parte sua, l’Unione Sovietica era ben lieta di sostenere un alleato così vicino alle coste del proprio nemico.

La situazione cambiò nel 1989 con la caduta del blocco sovietico: a questo punto Cuba si trovò veramente isolata ma, anziché tornare sui suoi passi e cedere alla potenza statunitense, L’Avana divenne l’ultimo baluardo della rivoluzione socialista. Questi furono gli anni più duri per l’isola che, privata dell’appoggio di Mosca, dovette vivere chiusa in sé stessa e schiacciata dall’embargo. Questo fino all’apertura di Obama che, oramai a fine mandato, ha voluto lasciare il suo segno nei rapporti politici tra i due Paesi: da allora Cuba ha cominciato gradualmente ad aprirsi al turismo statunitense e a nuovi investitori che, se da un lato rischiano di fagocitare l’isola e trasformarla in una sorta di grande resort, dall’altro hanno iniettato nella popolazione caraibica un forte entusiasmo per la fine di un’era.

L’entusiasmo è stato spezzato dal cambio di guardia alla Casa Bianca. Con l’elezione di Donald Trump a Presidente degli Stati Uniti, si è subito temuto che sulla questione sarebbero stati fatti dei passi indietro.

In effetti, il 16 giugno del 2017, Trump ha dichiarato che gli USA non possono abrogare l’embargo contro un regime intollerabile come quello di L’Avana. Certamente bisogna tener conto del fatto che il discorso è stato tenuto a Miami, alla presenza di numerosi esiliati cubani che, da sempre, rappresentano un ghiotto bacino di voti (in particolar modo per i repubblicani); inoltre va tenuto presente che, nonostante le dichiarazioni di intenti di Obama, per l’effettiva abrogazione dell’embargo sarebbe necessario il voto favorevole del Congresso che, adesso come allora, è tutt’altro che scontato.

In ogni caso, le dichiarazioni di Trump rischiano di avere effetti negativi per la politica statunitense in America Latina. Negli ultimi anni, infatti, il ruolo politico di Cuba nell’area caraibica si è rafforzato notevolmente: superati i giorni più duri seguiti alla caduta dell’Unione Sovietica e all’isolamento che ne è derivato, la piccola Repubblica è tornata nuovamente ad essere un attore importante.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->