sabato, Ottobre 16

Cuba, 63°anniversario della Rivoluzione Si ricorda l'assalto alla caserma Moncada del 1953, episodio che diede il via alla Rivoluzione cubana

0

Le celebrazioni si riferiscono al giorno dell‘assalto alla caserma Moncada, il 26 luglio del 1953, quando un gruppo di ribelli guidati da Fidel Castro tentò di prendere l’edificio; nonostante il fallimento dell’operazione, tuttavia l’evento ha segnato l’inizio della rivoluzione di Cuba. Da allora la data è stata dichiarata ufficialmente come ‘Giorno della Ribellione Nazionale’. Proprio all’ex leader dell’isola di Cuba è stata dedicata la celebrazione, in onore dei 90 anni che compirà il prossimo 13 agosto (impossibilitato a partecipare all’evento, a causa delle gravi condizioni di salute in cui versa da qualche anno). Presente alle celebrazioni il Presidente Raul Castro, il quale tuttavia non ha preso la parola ai microfoni e ha lasciato il luogo alla conclusione della cerimonia.

Per la prima volta quest’anno, le celebrazioni si svolgono alla luce della riapertura delle relazioni tra Cuba e Stati Uniti. Il clima di riavvicinamento che occorre tra i due Paesi tuttavia non pregiudica la politica e l’ideologia del Governo, come ha ribadito il Secondo Segretario del Partito Comunista di Cuba, José Ramón Machado Ventura: «nessuno imporrà pressioni esterne dirette a smantellare le conquiste raggiunte dalla Rivoluzione». L’anziano politico cubano ha anche parlato del piano di ristrutturazione dell’economia del Paese, che verrà approvato entro la fine del 2016 e consentirà, secondo le promesse, la ripresa delle condizioni disagiate in cui versano molti cittadini dell’isola.

(video tratto dal canale Youtube di ‘teleSUR TV’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->