lunedì, ottobre 15

CSM: Mattarella saluta l’uscente e insedia il nuovo Barnum Italia. Leoni, funamboli, ippopotami e pagliacci / 72

0

Si congeda il Plenum del Consiglio Superiore della Magistratura che ha guidato l’organo di autogoverno dei Magistrati dal 2014 al 2018. E dopo l’ultima, lunga e impegnativa seduta di lunedì 24 settembre 2018, i lavori si concludono definitivamente con l’Assemblea plenaria sull’attività quadriennale 2014-2018 presieduta dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella, che del CSM è il Presidente. Tra conclusione del ‘vecchio’ e insediamento del ‘nuovo’ il Presidente della Repubblica dà, come di consueto ma questa volta in maniera ancor più significativa, indicazioni sullo ‘Stato della giustizia’ nel nostro Paese, e sulle sue prospettive.

Per un giudizio sull’attività di ‘questo’ CSM, il cui Vice Presidente è Giovanni Legnini, utile strumento di lavoro il Documento ‘Relazioni sull’attività Consiliare 2014-2018che sintetizza e rappresenta l’attività compiuta, sia nel suo complesso che per ciascuna delle dieci Commissioni. 

Il Presidente (della Repubblica e del Csm) Mattarella ha ringraziato il Vice Presidente Legnini e l’intero Plenum uscente al termine del quadriennio «per il lavoro svolto e i risultati conseguiti». Ha sottolineato l’impegno sostenuto che ha portato «a oltre 66.600 delibere in Plenum e ad oltre 1.000 nomine di figure direttive e semidirettive». Mattarella ha fatto notare che la consiliatura 2014-2018 si è trovata «investita» dalla modifica normativa che ha abbassato in modo «forte e repentino» l’età per la pensione dei magistrati ed ha però fronteggiato questo inusuale ricambio «in modo tempestivo ed efficiente». Altri risultati raggiunti e lodati dal Capo dello Stato sono stati l’attenzione alla parità di genere («Quasi il 30% degli incarichi direttivi e oltre 40% di quelli semidirettivi sono stati assegnati dal Csm a magistrati di genere femminile. La parità di genere sta salendo di livello»), la valutazione di professionalità, l’attenzione ai soggetti fragili in tema di violenze di genere e violenze domestiche, la collaborazione e interlocuzione con il Ministro della Giustizia anche attraverso i pareri previsti in base all’articolo 10 della Legge 24 marzo 1958 / N. 195 costitutiva del Csm. Di più, e assai più impegnativo, ha già detto che dirà nel corso dell’incontro-cerimonia al Quirinale di martedì mattina.

Ricordiamo nell’occasione le due importanti iniziative di studio e approfondimento che il CSM ha assunto in questo ultimo periodo, che abbiamo seguito e riportato. Vedi ‘L’Indro’: ‘Il CSM e le Autorità Indipendenti: un incontro, un confronto, un lavoro avviato‘ (20 luglio 2018) e ‘Leggi razziali: il CSM affronta la questione ‘Razza e InGiustizia‘ (18 settembre 2018).

Terminato questo mandato, martedì 25 settembre 2018 con la cerimonia al Quirinale si insedia il nuovo Consiglio Superiore della Magistratura, che rimane in carica dal 2018 al 2022. Il primo Plenum del nuovo CSM è previsto entro la settimana, e sarà già estremamente indicativo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

Giornalista. Editore con ‘La Voce multimedia’