sabato, Ottobre 23

Csm: è fatta field_506ffb1d3dbe2

0

parlamento

Siccome, ormai, bisogna cominciare a trarre soddisfazione dalle piccole cose, come una casa fatiscente di cui si riesce a mettere in sicurezza almeno l’impianto elettrico, soddisfazione traiamo dal possibile accordo per concludere la farsa CSM con l’elezione degli ultimi due membri laici (di otto) di spettanza del Parlamento.

Scontato il nulla di fatto sulla Consulta all’ennesima votazionenonvotazione di martedì 23, riuscire a fare insediare il Plenum del Consiglio Superiore della Magistratura il prima possibile è necessità assoluta. Non era mai successo che la prorogatio durasse tanto a lungo, scavalcando addirittura le vacanze estive. L’organo di autogoverno dei giudici non può insediarsi ed operare sino al suo completamento. Anche la questione delle nomine da fare, specie per i pensionamenti dovuti alla riduzione dell’età pensionabile, è secondaria rispetto al fatto che proprio l’organo in sé non esista, se non nell’emivita ancora concessa ai vecchi componenti. L’Avvocato romano Paola Balducci per il centrosinistra, Sinistra Ecologia e Libertà, e l’Avvocato vicentino Pierantonio Zanettin, forzista non sgradito al grancapoleghista Matteo Salvini, per il centrodestra, potrebbero essere gli ultimi due votati. Risolvendo così almeno questa vicenda, tanto più necessariamente in presenza della Riforma della Giustizia presentata, ed in via di presentazione, da parte del Governo.

Rimarrebbe poi la questione dei due da eleggere alla Corte Costituzionale, ma per quelli già si prevede la possibilità di far slittare per l’Assemblea Generale dell’Onu a New York, con nutrite presenze italiane, poi c’è il cambio di stagione, le Feste dei morti, la Legge di Stabilità, Natale e Capodanno, neanche te ne sei accorto e sei già a Carnevale, poi arrivano subito Quaresima, Pasqua, Pentecoste e Primavera, non ci si può scapicollare più di tanto, in ogni caso, direbbe Flaiano, la situazione è grave ma non è seria.   

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->