giovedì, Settembre 16

Crescite vertiginose per Facebook: merito delle pubblicità Il social network, fondato da Zuckerberg, registra ricavi triplicati in questo semestre

0

Buone notizie per Facebook: il social network, con più iscritti al mondo, ha registrato un aumento inaspettato dei ricavi, triplicando gli utili netti nel primo trimestre del 2016, per un valore di 1,52 miliardi di dollari. La pubblicità sugli smartphone è la carta vincente di Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook: circa l’82% dei ricavi dipende dalle pubblicità, che hanno fatto segnare un aumento del 57%, facendo lievitare gli introiti da 3.3 miliardi di dollari a 5.2 miliardi di dollari. «Abbiamo avuto un buon inizio dell’anno. Adesso, l’attenzione non è più su quello che Facebook è oggi, ma su quello che può essere e su quello che ha bisogno di essere per la comunità», ha affermato Zuckerberg.

Secondo il fondatore, nei prossimi 10 anni, il social network scommetterà sui video in diretta, sulla realtà virtuale e su nuove modalità di interazione sulla sua piattaforma Messenger. «Le aziende non ci chiedono più se devono fare Pubblicità sugli smartphone, ma come devono farla», spiegano gli esperti di marketing di Facebook.

Attualmente, il social network conta oltre 1,65 miliardi di iscritti in tutto il mondo e, stando alla crescita degli iscritti negli ultimi anni, gli introiti della compagnia sono destinati a salire.

Intanto anche Amazon e Linkedin registrano crescite vertiginose, mentre Apple, Google e Microsoft, al contrario, sono in calo.

(Video tratto dal canale Youtube: Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->