mercoledì, Ottobre 20

Covid-19: vaccini, Biden vuole brevetti liberi, tra pro e contro La sospensione dei brevetti non è una garanzia che si troverà un numero sufficiente di produttori per avviare la produzione. Questo tipo di trasferimento tecnologico può essere ottenuto al meglio tramite licenze volontarie

0

L’amministrazione Biden ha ora accettato di sostenere una proposta per sospendere la protezione della proprietà intellettuale per i vaccini contro il COVID-19. Lo ha annunciato  la rappresentante del Commercio degli Stati Uniti, Katherine Tai : «Questa è una crisi sanitaria globale e le circostanze straordinarie della pandemia di Covid-19 richiedono misure straordinarie. L’amministrazione crede fortemente nella protezione della proprietà intellettuale, ma pur di porre fine a questa pandemia sostiene la rinuncia a tali protezioni per i vaccini contro il Covid-19».

Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ha esultato per la decisione dell’amministrazione americana: «Questo è un momento monumentale nella lotta contro il Covid-19. L’impegno di Joe Biden e dell’Ambasciatore Tai a favore la rinuncia alle protezioni sui brevetti per i vaccini è un potente esempio da parte degli Usa per affrontare le sfide della sanità globale». In una serie di tweet successivi, il direttore dell’OMS ha sottolineato: «Elogio gli Usa per questa decisione storica a favore dell’equità vaccinale, dando priorità al benessere di tutte le persone ovunque in un momento critico. Ora muoviamoci tutti insieme rapidamente, in solidarietà, basandoci sull’ingegnosità e sull’impegno degli scienziati che hanno prodotto i vaccini salvavita. Il sostegno della Casa Bianca alla rinuncia temporanea ai brevetti sui vaccini riflette la saggezza e la leadership morale degli Usa nel lavorare per porre fine a questa pandemia».

Biden ha rotto rispetto alla posizione di lunga data del governo degli Stati Uniti sulla forte protezione della proprietà intellettuale, che è stata sostenuta anche da molti Paesi ad alta intensità di ricerca nell’Europa occidentale e dall’industria farmaceutica. Queste protezioni sono codificate negli accordi TRIPS (Trade-Related Aspects of Intellectual Property Rights) dell’Organizzazione mondiale del commercio, di cui India, Sudafrica e molte altre economie emergenti hanno chiesto una sospensione, sostenute in questo sforzo dal Direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus. Anche se la rinuncia non può essere attuata fino a quando gli altri membri dell’OMS non saranno d’accordo (a quel punto i produttori possono presumibilmente iniziare la produzione senza alcun accordo di licenza), molti Paesi che in precedenza si erano opposti alla sospensione, tra cui Francia e Nuova Zelanda, stanno ora indicando il loro sostegno.

spiega che la preoccupazione principale rimane perché mentre i vaccini COVID-19 ora esistono, la loro distribuzione in tutto il mondo non è uniforme, nonostante l’esistenza della rete COVAX, lo sforzo globale per condividere i vaccini tra i Paesi. Fino ad ora, solo il 44% della popolazione degli Stati Uniti e il 51% della popolazione del Regno Unito sono vaccinati, ma queste percentuali sono tristemente molto più basse in molte economie in via di sviluppo con l’India al 9,4% e tutta l’Asia al 4,4% e l’Africa al di sotto dell’1 % .

Lo scopo della liberalizzazione dei brevetti è  rimuovere eventuali ostacoli dovuti alla protezione della proprietà intellettuale e aumentare la produzione e la distribuzione di questi vaccini nel resto del mondo.

Secondo Bokhari, rimane la domanda se gli ostacoli nella produzione di vaccini COVID siano dovuti alla protezione della proprietà intellettuale. In genere, pensiamo alla protezione dei brevetti come ciò che porta a prezzi elevati e alla riduzione della produzione poiché i monopoli tendono a fissare i prezzi ben al di sopra del costo di produzione per massimizzare i profitti. Ma i prezzi alti non sembrano essere il problema qui: i vaccini hanno un prezzo molto più ragionevole anche se tutti i Paesi non pagano lo stesso prezzo per loro.

Quindi, anche se aziende come Pfizer rinunciassero ai profitti, la rimozione della protezione intellettuale aumenterebbe la produzione e la distribuzione nei Paesi in via di sviluppo?

Bokhari afferma che se si rinuncia alla protezione della PI, questo potrebbe creare un sollievo immediato in termini di produzione e distribuzione. Però, oltre a rinunciare alle protezioni legali, i produttori nelle economie emergenti dovrebbero essere supportati con la tecnologia per produrre effettivamente i vaccini. Questo può essere particolarmente vero per i più recenti vaccini a mRNA come quelli di Pfizer e Moderna, che sono difficili da produrre, ma può ugualmente applicarsi anche ai vaccini come  AstraZeneca.

Secondo Bokhari, la sospensione dei brevetti non è una garanzia che si troverà un numero sufficiente di produttori per avviare la produzione. Questo tipo di trasferimento tecnologico può essere ottenuto al meglio tramite licenze volontarie – in cui i creatori forniscono ai produttori la tecnologia per produrre i loro vaccini – come è già stato fatto da AstraZenca.

Il problema della sospensione della protezione intellettuale è mantenere gli incentivi per il futuro. Dopo tutto, il motivo per cui abbiamo creato protezioni brevettuali in primo luogo è fornire incentivi tramite profitti di monopolio a breve termine in modo che le imprese e gli individui possano investire nell’innovazione.

Se la protezione della proprietà intellettuale viene revocata di fronte a un’emergenza pubblica, anche solo per una volta, le aziende investiranno la prossima volta che si verificherà un’emergenza simile? Il fatto che Pfizer abbia raccolto milioni di profitti è fuori questione. Ciò che è più rilevante è quanto di più abbiamo beneficiato dei vaccini salvando vite, riducendo la sofferenza e aprendo l’economia (quando alla fine lo faremo).

Bokhari sottolinea che mettere da parte la protezione della proprietà intellettuale può essere un pericoloso precedente, soprattutto se non funzionasse. Per alleviare il problema della produzione a livello globale, le licenze volontarie sarebbero un inizio. Sulla stessa linea, gli Stati Uniti potrebbero semplicemente acquistare i brevetti dagli attuali produttori a titolo definitivo in base al loro valore futuro scontato e quindi renderli disponibili ai produttori di tutto il mondo.

Questi acquisti potrebbero essere effettuati non solo per i brevetti, ma anche per fornire assistenza per il trasferimento tecnologico. Ciò manterrebbe gli incentivi per la ricerca, lo sviluppo e l’innovazione e allo stesso tempo proteggere le popolazioni di tutto il mondo e negli Stati Uniti dall’aumento di varianti che potrebbero essere in grado di eludere i vaccini che abbiamo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->