martedì, Aprile 13

Covid-19: perché il Portogallo è colpito così duramente? L’analisi di Michael Head, University of Southampton

0

Buone notizie sui vaccini Covid-19 sono state in abbondanza nelle ultime settimane. Nel frattempo, però, la pandemia continua ad accelerare a livello globale, con l’Europa che rappresenta il 34% dei nuovi casi in tutto il mondo. Un Paese in particolare è stato duramente colpito: il Portogallo.

Guardando i dati delle ultime due settimane, il Portogallo ha sia il tasso di casi più elevato (16.829 per milione di persone) sia il tasso di mortalità (340 morti per milione di persone). Questi numeri superano sia il Regno Unito (tassi di casi 6.480, tasso di morte 250 per milione) che gli Stati Uniti (tassi di casi 6.920, tasso di mortalità 131 per milione) di un margine considerevole. Anche il vicino del Portogallo, la Spagna, ha numeri più bassi (tassi di casi 10.500 e morti 107 per milione).

Quasi la metà delle morti per Covid-19 in Portogallo è stata segnalata a gennaio e il sistema sanitario del Paese è sull’orlo del collassoDiverse nazioni europee, tra cui Germania e Austria, stanno intervenendo per aiutare.

È una svolta sfortunata per un Paese che ha gestito così bene le prime fasi della pandemia.Il Portogallo si è affrettato a implementare gli interventi, inclusa l’imposizione di un blocco nazionale completo quando c’erano poche centinaia di casi registrati nel Paese. (La Spagna è stata bloccata solo quando avevano diverse migliaia di casi noti). Un fattore che ha contribuito ai recenti aumenti potrebbe essere stato l’allentamento delle restrizioni, come consentire alle persone di mescolarsi di più. E se esiste un livello di base di malattie infettive, seguirà un aumento del numero di casi. In particolare, la recente traiettoria ascendente indica che la popolazione si è mescolata durante il periodo festivo. Il 28 dicembre, i tassi di casi in Portogallo erano 4.484 per milione di persone, il loro punto più basso negli ultimi tempi e circa un quarto di quello che sono ora, un mese dopo. Questi aumenti rifletteranno la trasmissione durante il periodo festivo.

La cosiddetta variante del Regno Unito (B117) è stata rilevata sempre di più in Portogallo nelle ultime settimane, il che potrebbe aver aggiunto alla tempesta perfetta di fattori che hanno portato ai numeri record che ora vediamo. Questa variante è più trasmissibile e forse anche più letale. Per aumentare la miseria, il sistema sanitario è estremamente a corto di personale, con 23.000 medici in Portogallo che sono risultati positivi al Covid-19.

I dati della Banca Mondiale mostrano che ci sono circa cinque medici ogni 1.000 persone in Portogallo. Con una popolazione di circa 10 milioni, questo si tradurrebbe in circa 50.000 medici nel Paese. Quindi il rapporto suggerisce che circa la metà dei medici del paese è stata infettata dal coronavirus. Se è corretto, allora è un numero incredibile. È molto difficile confrontare direttamente con i dati di altri Paesi a causa dei diversi punti temporali, dimensioni del campione e così via. Ma, se riflettiamo con cautela sui dati del Regno Unito, l’Ufficio per le statistiche nazionali ha riferito nel luglio 2020 che l’1,6% degli operatori sanitari rivolti ai pazienti è risultato positivo al Covid-19. Storicamente, le infezioni trasmesse negli ospedali sono state molto elevate in Portogallo rispetto ad altri paesi ricchi. Forse lo stiamo osservando qui durante la pandemia. Il 15 gennaio, il Portogallo ha imposto un altro blocco nazionale. Ciò include la chiusura di servizi non essenziali come palestre, barbieri e musei.

Questo intervento dovrebbe presto iniziare a trovare riscontro nella riduzione dei nuovi casi quotidiani. Ci sono alcune limitazioni limitate ai viaggi internazionali, ad esempio, con il Regno Unito e il Portogallo che si guardano l’un l’altro con sospetto i casi e vietano i voli tra i due Paesi. Tuttavia, i collegamenti con altri paesi sembrano essere relativamente rilassati, il che corre il rischio di importare nuovi casi e possibilmente nuove varianti. Questi nuovi casi sarebbero probabilmente pochi, ma poi Covid-19 ha raggiunto tutti gli angoli del globo in pochi mesi, con solo una manciata di casi importati in ciascun Paese. Un approccio rischioso in questo momento e un requisito per tutti i viaggiatori in entrata per la quarantena dovrebbe essere la politica. In Portogallo, un approccio proattivo all’inizio della pandemia sembra essere diventato reattivo nelle ultime settimane, con l’implementazione del vaccino che procede lentamente.

 

Traduzione dell’articolo ‘Coronavirus: why is Portugal being hit so hard?’ da ‘The Conversation’

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->