sabato, Ottobre 16

Covid-19: perché i vaccini riducono la trasmissione del virus L’analisi di Jennifer Juno, The Peter Doherty Institute for Infection and Immunity, Adam Wheatley, The University of Melbourne

0

Da quando i vaccini anti-COVID-19 hanno iniziato a diffondersi in tutto il mondo, molti scienziati hanno esitato a dire che possono ridurre la trasmissione del virus.

Il loro scopo principale è quello di evitare che tu ti ammali veramente con il virus, ed è diventato subito chiaro che i vaccini sono altamente efficienti in questo. L’efficacia contro i sintomi della malattia negli studi clinici variava dal 50% (Sinovac) al 95% (Pfizer / BioNTech) e un’efficacia simile è stata riportata nel mondo reale.

Tuttavia, anche i migliori vaccini che abbiamo non sono perfetti, e questo significa che alcune persone vaccinate finiscono comunque per contrarre il virus. Chiamiamo questi casi infezioni ‘rivoluzionarie’. Infatti, tra il 10 aprile e il 1 maggio, sei persone in quarantena alberghiera nel New South Wales sono risultate positive al COVID-19, nonostante fossero state completamente vaccinate.

Ma quante probabilità ci sono che le persone vaccinate trasmettano effettivamente il virus, se vengono infettate? Le prove sono in aumento che, non solo i vaccini anti-COVID-19 impediscono di ammalarsi o riducono sostanzialmente la gravità dei sintomi, ma è anche probabile che riducano sostanzialmente la possibilità di trasmettere il virus ad altri.

Le prime prove dei test sugli animali, dove i ricercatori possono studiare direttamente la trasmissione, suggeriscono che l’immunizzazione con i vaccini anti-COVID-19 potrebbe impedire agli animali di trasmettere il virus.

Ma gli animali non sono persone e la comunità scientifica ha atteso studi più conclusivi sugli esseri umani.

Ad aprile, la Public Health England ha riportato i risultati di un ampio studio sulla trasmissione di COVID-19 che ha coinvolto più di 365.000 famiglie con un mix di membri vaccinati e non vaccinati.

Ha scoperto che l’immunizzazione con il vaccino Pfizer o AstraZeneca ha ridotto la possibilità di trasmissione del virus in avanti del 40-60%. Ciò significa che se qualcuno veniva infettato dopo essere stato vaccinato, aveva solo la metà delle probabilità di trasmettere l’infezione ad altri rispetto alle persone infette che non erano state vaccinate.

Uno studio di Israele, leader mondiale nelle vaccinazioni contro il coronavirus, fornisce alcuni indizi su cosa c’è dietro questa ridotta trasmissione. I ricercatori hanno identificato quasi 5.000 casi di infezione rivoluzionaria in persone precedentemente vaccinate e hanno determinato la quantità di virus presente nei loro tamponi nasali. Rispetto alle persone non vaccinate, la quantità di virus rilevata è stata significativamente inferiore in coloro che sono stati vaccinati.

Più quantità di virus nel naso è stata collegata a una maggiore infettività e maggiori rischi di trasmissione successiva.

Questi studi dimostrano che è probabile che la vaccinazione riduca sostanzialmente la trasmissione del virus riducendo il numero di persone che vengono infettate e riducendo i livelli di virus nel naso nelle persone con infezioni improvvise.

Se i vaccini anti-COVID-19 riducono le possibilità di trasmissione del virus, allora ogni persona che viene vaccinata protegge non solo se stessa, ma anche le persone che la circondano. Rompere le catene di trasmissione all’interno della comunità e limitare la diffusione in avanti è fondamentale per aiutare a proteggere le persone che potrebbero rispondere male all’immunizzazione o potrebbero non essere in grado di vaccinarsi da sole, come i bambini, alcune persone anziane e alcune persone immunocompromesse.

Ciò aumenta anche notevolmente l’opportunità di raggiungere un certo grado di immunità della popolazione (o ‘gregge’) e un più rapido allentamento delle restrizioni sociali.

La riduzione del rischio di trasmissione del coronavirus si basa sullo sviluppo di una forte immunità contro il virus. Ma l’immunità, anche dai vaccini, svanisce nel tempo. Gli scienziati stanno monitorando attivamente le persone che hanno ricevuto vaccini anti-COVID-19 per capire quanto tempo durerà l’immunità vaccinale e se e quando saranno necessari i colpi di richiamo.

Preoccupano anche le varianti del coronavirus. Questi sono ceppi del virus SARS-CoV-2 che trasportano cambiamenti che li rendono più difficili da controllare con l’immunizzazione. Tali varianti presentano due sfide principali: possono eludere l’immunità vaccinale e, in alcuni casi, sono anche più trasmissibili.

Sebbene le varianti si siano ampiamente diffuse in tutto il mondo, ci sono molte buone notizie su questo fronte. I Paesi con implementazioni avanzate di vaccini stanno mantenendo un buon controllo sul virus. Ad esempio, Israele ha iniziato la sua campagna di vaccinazioni di massa durante la terza ondata e ha subito un calo dei nuovi casi.

Inoltre, aziende come Moderna stanno sviluppando vaccini aggiornati per indirizzare specificamente queste varianti, con risultati iniziali positivi.

In questo momento, la pandemia globale è complessa. Molti Paesi stanno rapidamente implementando i vaccini disponibili e vi è un’ampia varietà di blocchi e misure sociali in atto.

Tuttavia, il numero di nuove infezioni ogni giorno in tutto il mondo è ai massimi storici e stanno circolando varianti preoccupanti.

Quando le persone vengono vaccinate, c’è la tentazione di interrompere o ridurre alcuni importanti comportamenti sociali come indossare la maschera o allontanarsi fisicamente. Ma, soprattutto, meno trasmissione non è nessuna trasmissione.

Mentre le persone vaccinate molto probabilmente hanno una minore possibilità di trasmettere il virus, è comunque importante mantenere comportamenti responsabili nell’immediato futuro per proteggere coloro che non sono, non saranno o non possono essere immunizzati.

 

 

Traduzione dell’articolo ‘Mounting evidence suggests COVID vaccines do reduce transmission. How does this work?’ da ‘The Conversation’

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->