lunedì, Giugno 14

Covid-19: pagare le persone per vaccinarsi potrebbe funzionare, ma sarebbe etico? Un incentivo alla vaccinazione ben progettato può aiutare a salvare vite umane? L’analisi di Christopher Robertson, Professore di Legge della Boston University

0

Un ‘colpo finanziario al braccio’ potrebbe essere proprio quello che è necessario per gli  incerti sulla vaccinazione.

Il 12 maggio 2021, il governatore repubblicano dell’Ohio, Mike DeWine, ha annunciato cinque premi della lotteria da 1 milione di dollari per coloro che sono vaccinati. Nel frattempo, in West Virginia, i cittadini più giovani sono tentati con la possibilità di vincere buoni di risparmio da 100 dollari e un’università statale del North Carolina offre agli studenti che vengono vaccinati la possibilità di vincere il costo degli alloggi. Molte aziende stanno pagando più soldi ai dipendenti vaccinati attraverso bonus o permessi extra retribuiti.

La spinta a far vaccinare quante più persone possibile è lodevole e potrebbe funzionare. Ma i principali scienziati comportamentali sono preoccupati che pagare le persone per la vaccinazione possa ritorcersi contro se rende le persone più scettiche sui premi. E gli esperti di etica hanno sostenuto che sarebbe sbagliato, citando preoccupazioni sull’equità.

La ricerca suggerisce che gli incentivi potrebbero funzionare per salvare vite umane e, se adeguatamente strutturati, non devono necessariamente calpestare i diritti individuali o rappresentare una spesa enorme per il governo.

Negli Stati Uniti, incentivi e disincentivi sono già utilizzati nell’assistenza sanitaria. Il sistema statunitense di assicurazione sanitaria privatizzata espone i pazienti a notevoli franchigie e copays, non solo per coprire i costi, ma per ridurre ciò che potrebbe essere considerato un’assistenza sanitaria dispendiosa – l’idea è che mettere un costo per una visita al pronto soccorso, per esempio, potrebbe scoraggiare coloro che non hanno davvero bisogno di quel livello di assistenza.

In pratica, ciò significa che i pazienti sono incoraggiati a rifiutare sia le cure di emergenza che quelle di routine, poiché entrambe sono esposte ai costi.

Nel caso del COVID-19, i vaccini sono già gratuiti per i consumatori, il che ha indubbiamente incoraggiato le persone a essere immunizzate. Gli studi hanno dimostrato che la riduzione dei costi diretti può migliorare l’aderenza ai farmaci che sostengono la vita, sia per prevenire attacchi di cuore che per gestire il diabete.

Un pagamento per prendere un farmaco va oltre la semplice riduzione dei costi. E se adeguatamente progettati, tali incentivi possono modificare i comportamenti sanitari.

Pagamenti e premi in denaro si sono dimostrati efficaci nell’incoraggiare le donazioni di sangue, l’adesione a farmaci anticoagulanti, il monitoraggio della glicemia, l’attività fisica e la cessazione del fumo.

E per la vaccinazione in particolare, i pagamenti hanno avuto successo per il papillomavirus umano (HPV) in Inghilterra; epatite B negli Stati Uniti e nel Regno Unito; e il tossoide tetanico in Nigeria. Gli effetti possono essere sostanziali: ad esempio, per un gruppo nello studio HPV, il tasso di vaccinazione è più che raddoppiato con un incentivo.

Per COVID-19, non ci sono studi sul campo fino ad oggi, ma diversi esperimenti di indagine, incluso uno condotto dal mio gruppo con 1.000 americani, scoprono che è probabile che gli incentivi funzionano. Nel nostro caso, l’incentivo di una detrazione fiscale è stato sufficiente per incoraggiare coloro che esitano sulle vaccinazioni a dire che avrebbero preso il colpo.

Anche se gli incentivi salveranno vite aumentando le vaccinazioni, ci sono ancora altre considerazioni etiche. Una preoccupazione fondamentale è proteggere le scelte autonome delle persone per decidere cosa mettere nel proprio corpo. Ciò può essere particolarmente importante per i vaccini COVID-19, che, sebbene autorizzati come probabilmente sicuri ed efficaci, non sono ancora completamente approvati dalla Food and Drug Administration.

Ma già le persone sono spesso pagate per partecipare a studi clinici per farmaci che non sono stati ancora approvati dalla FDA. Gli esperti di etica sono preoccupati che tali pagamenti possano essere ‘coercitivi’ se il denaro è così attraente da prevalere sulle libere scelte di una persona o da renderle complessivamente peggiori.

Ci si può interrogare sul fatto che il termine ‘coercizione’ si applichi alle offerte di pagamento. Ma anche se le offerte fossero coercitive, i pagamenti potrebbero comunque essere ragionevoli per salvare vite in una pandemia se riescono a raggiungere livelli più elevati di immunizzazione.

Durante l’epidemia di vaiolo quasi 100 anni fa, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha confermato il potere degli Stati di imporre i vaccini. Rispetto alla vaccinazione obbligatoria, gli incentivi per incoraggiare i vaccini sembrano innocui.

Eppure alcuni si preoccupano ancora. I bioetici Emily Largent e Franklin Miller hanno scritto in un recente articolo che un pagamento potrebbe sfruttare “ingiustamente” “quei residenti negli Stati Uniti che hanno perso il lavoro … o sono scivolati nella povertà durante la pandemia”, il che potrebbe farli sentire come se non avessero “altra scelta che di essere vaccinato per contanti. ” Altri hanno notato che l’esitazione nei confronti del vaccino è maggiore nelle comunità non bianche, dove i redditi tendono ad essere inferiori, così come la fiducia nell’establishment medico.

Gli etici e i responsabili politici dovrebbero infatti concentrarsi sui membri più poveri della nostra comunità e cercare di ridurre al minimo le disparità razziali sia nei risultati di salute che nella ricchezza. Ma non ci sono prove che offrire denaro sia effettivamente dannoso per queste popolazioni. Ricevere denaro è una buona cosa. Suggerire che dobbiamo proteggere gli adulti negando loro offerte di denaro può sembrare paternalismo.

Alcuni esperti di etica sostengono anche che il denaro è meglio speso altrove per aumentare la partecipazione. Gli Stati potrebbero spendere i soldi per assicurarsi che i vaccini siano convenienti per tutti, ad esempio portandoli a eventi della comunità e alle chiese. Il denaro potrebbe anche supportare vari sforzi per combattere la disinformazione e comunicare l’importanza di ottenere lo scatto.

Gli incentivi finanziari potrebbero essere costosi come soluzione politica. Come in Ohio, le estrazioni alla lotteria sono un modo per limitare il costo complessivo degli incentivi, offrendo a milioni di persone un motivo in più per ottenere la loro occasione.

Il codice fiscale potrebbe anche prevedere un incentivo gratuito per la vaccinazione. Le detrazioni fiscali e i crediti sono spesso progettati per incoraggiare comportamenti, come il risparmio o la proprietà della casa. Alcuni Stati hanno ora grandi avanzi di bilancio e stanno prendendo in considerazione misure di sgravio fiscale. Se uno Stato annunciasse ora che tali pagamenti sarebbero subordinati alla vaccinazione, ogni persona che rifiuta l’iniezione farebbe risparmiare denaro al governo.

In definitiva, un incentivo alla vaccinazione ben progettato può aiutare a salvare vite umane e non dovrebbe tenere svegli la notte gli esperti di etica.

 

 

Traduzione dell’articolo ‘Paying people to get vaccinated might work – but is it ethical?’ da ‘The Conversation’

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->