venerdì, Settembre 24

Covid-19: la variante inglese L’analisi di David Kennedy, Penn State

0

Una nuova variante di SARS-CoV-2 si sta diffondendo rapidamente nel Regno Unito, con oltre 1.400 casi da settembre. SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, generalmente accumula mutazioni lentamente nel tempo, ma questa nuova variante aveva accumulato rapidamente molte mutazioni.

Qual’è la nuova variante del SARS-CoV-2?

La nuova versione di SARS-CoV-2 – denominata lignaggio B.1.1.7 – si sta diffondendo nel Regno Unito e forse oltre.Le differenze tra il vecchio e il nuovo virus includono 23 mutazioni nel codice genetico del virus che hanno alterato quattro proteine virali.Otto di queste 23 mutazioni influenzano la proteina spike.Ciò è importante perché la proteina spike consente al virus di entrare nelle cellule umane ed è un obiettivo chiave della nostra risposta immunitaria, sia nel combattere il virus durante l’infezione che nel proteggerci dalle malattie dopo la vaccinazione con i vaccini Pfizer e Moderna.Se le modifiche alla proteina spike aiutano il virus a entrare più facilmente nelle cellule umane, il virus potrebbe essere trasmesso da persona a persona più facilmente.Queste mutazioni possono anche alterare il modo in cui il sistema immunitario dell’ospite combatte il virus, riducendo potenzialmente l’efficacia degli attuali vaccini.

Cosa c’è di diverso in questa nuova versione di SARS-CoV-2?

I campioni del nuovo virus isolati dai pazienti suggeriscono che questa variante è aumentata in frequenza relativa negli ultimi tre mesi.L’aumento della frequenza è preoccupante, in quanto suggerisce – ma non dimostra – che gli isolati B.1.1.7 di SARS-CoV-2 siano più trasmissibili del virus originale.Alcuni hanno stimato che il nuovo virus potrebbe essere fino al 70% più trasmissibile del vecchio virus.Sebbene queste stime siano coerenti con i dati, è del tutto troppo presto per trarre una conclusione definitiva.Se questo aumento della trasmissibilità è confermato, potrebbe essere dovuto alle mutazioni nella proteina spike che le consente di legarsi più strettamente al recettore ACE2, che fornisce un gateway per il virus per entrare nelle cellule umane.

È più pericoloso?

Se la nuova versione, B.1.1.7, è effettivamente più trasmissibile del vecchio virus, sarà più pericolosa nel senso che farà ammalare più persone.Tuttavia, non sono a conoscenza di buone prove che ci siano differenze nella gravità della malattia causata dalla nuova versione di questo virus rispetto a quella precedente.Detto questo, con così pochi casi noti, potrebbe essere ancora troppo presto per dirlo.

I vaccini Pfizer e Moderna saranno ancora efficaci contro questo nuova variante?

Entrambi i vaccini Pfizer e Moderna agiscono addestrando il nostro sistema immunitario a riconoscere una versione specifica della proteina spike virale. La versione della proteina spike utilizzata dai vaccini è stata progettata per corrispondere a quella del vecchio virus, non a quella del virus B.1.1.7. Ciò significa che i vaccini potrebbero diventare meno efficaci del previsto se questo nuovo virus si diffondesse ampiamente. La mancata corrispondenza tra virus e vaccino è una sfida continua per gli scienziati incaricati di sviluppare il vaccino contro l’influenza stagionale. Ma anche con una mancata corrispondenza virus-vaccino, il vaccino antinfluenzale riduce la probabilità e la gravità della malattia. La questione non è quindi se i vaccini saranno efficaci, ma piuttosto quanto saranno efficaci. La gravità della mancata corrispondenza è importante, ma l’unico modo per determinarne l’impatto in questo caso è attraverso uno studio scientifico e, per quanto ne so, non sono stati ancora raccolti dati in merito. In altre parole, è troppo presto per dire se e come questa nuova variante influenzerà l’efficacia complessiva dei vaccini Pfizer e Moderna.

Le persone dovrebbero ancora ottenere il nuovo vaccino mRNA?

La comparsa di questo nuovo B.1.1.7 rende ancora più importante che le persone vengano vaccinate il prima possibile.Se questa nuova versione è più trasmissibile, o se il vaccino è meno efficace a causa di una mancata corrispondenza tra virus e vaccino, sarà necessario vaccinare più persone per ottenere l’immunità della mandria e tenere sotto controllo questa malattia.Inoltre, ora abbiamo la prova che la proteina spike di SARS-CoV-2 può cambiare drasticamente in breve tempo, quindi è fondamentale tenere il virus sotto controllo per evitare che si evolva ulteriormente e minando completamente gli sforzi di vaccinazione.

 

Traduzione dell’articolo ‘Why it matters that the coronavirus is changing – and what this means for vaccine effectiveness’ di David Kennedy, Penn State per ‘The Conversation’

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->