mercoledì, Dicembre 1

Covid-19: la ‘diplomazia del vaccino’ L’analisi di Michael Jennings, SOAS, University of London

0

La pandemia di Covid-19 ha dato origine a vari termini nuovi, riproposti o recentemente popolari. L’ultimo ingresso nel lessico pandemico potrebbe essere la ‘diplomazia del vaccino’, con alcuni Paesi che usano i loro vaccini per rafforzare i legami regionali e migliorare il proprio potere e lo stato globale.

All’inizio di febbraio, mezzo milione di dosi del vaccino cinese Sinopharm è arrivato in Pakistan, prima di raggiungere presto anche altri 13 Paesi tra cui Cambogia, Nepal, Sierra Leone e Zimbabwe. L’ambasciatore cinese in Pakistan l’ha definita una “manifestazione della nostra fratellanza”, un sentimento ripreso dal governo pakistano. Allo stesso modo, la Russia ha utilizzato il proprio vaccino Sputnik V per conquistare amici e supporto, fornendo accesso a Paesi che non sono ancora in grado di avviare i propri programmi di vaccinazione.

L’India ha donato forniture dei jab AstraZeneca / Oxford prodotti nel paese ai vicini regionali tra cui Bangladesh, Myanmar e Nepal, rafforzando non solo la sua reputazione di fornitore di vaccini economici e accessibili al sud del mondo, ma anche sfidando gli sforzi della Cina a livello regionale dominio in un momento di accresciute tensioni tra i due Paesi.

Nel frattempo, secondo quanto riferito, Israele ha accettato di pagare la Russia per inviare il vaccino Sputnik V di fabbricazione russa al governo siriano come parte di un accordo di scambio di prigionieri.

La diplomazia dei vaccini ha anche comportato sforzi per minare la fiducia nelle intenzioni e nell’efficacia dei poteri rivali. Cina e Russia sono state entrambe accusate dai governi in Europa e Nord America di campagne che cercano di minare la fiducia nei vaccini prodotti in quelle regioni. E la Russia ha inviato anche forniture di Sputnik V all’Ungheria.

L’Europa e il Nord America sono stati in ritardo nel fornire vaccini ai Paesi e alle regioni più povere. Solo negli ultimi giorni sono emersi appelli da leader come il francese Emmanuel Macron a donare vaccini ai paesi più poveri e gli impegni del Regno Unito a donare le scorte in eccesso.

In assenza di forniture di vaccini ai Paesi più poveri, alcuni in Occidente hanno cercato di mettere in dubbio la credibilità degli sforzi cinesi e russi, presentandoli come cinici stratagemmi per il vantaggio diplomatico. Potresti ricevere vaccini, hanno detto al mondo, ma a quale costo nei tuoi obblighi verso Russia e Cina, anche se i Paesi occidentali racchiudono i propri aiuti internazionali in condizioni, spesso implicando aspirazioni per accordi commerciali.

La risposta al virus è stata incorporata nel potere globale e nelle dispute diplomatiche fin dall’inizio – dall’amministrazione Trump che si riferisce al “virus cinese” in ogni momento come parte delle sue più ampie lotte politiche ed economiche con la Cina, agli sforzi cinesi per usare il proprio successo per rafforzare la legittimità di misure rigorose e limiti alle libertà politiche e sociali.

La lotta contro le malattie è stata infatti a lungo usata come mezzo per conquistare gli amici. Le rivalità tra le superpotenze per l’influenza attraverso l’ago a volte sono state addirittura positive: il successo della campagna di eradicazione del vaiolo è stato in parte alimentato dalla rivalità tra Unione Sovietica e Stati Uniti. In risposta all’epidemia di Sars nel 2002, la Cina ha fornito assistenza e supporto ai paesi colpiti per rafforzare il suo status di potenza globale, incluso Taiwan. Ciò è in netto contrasto con il suo rapporto più teso con Taiwan in questa ultima epidemia.

Tale assistenza ha avuto la tendenza a maturare l’influenza quando l’aiuto è stato visto come imparziale e libero dal nudo interesse personale. Prima di essere fusa con il Foreign and Commonwealth Office, ad esempio, la reputazione dell’ex Dipartimento per lo sviluppo internazionale (DfID) del Regno Unito è stata in parte rafforzata dalla sua attenzione sancita dalla legge sulla povertà e dal suo status di autonomia. L’attuale ciclo di diplomazia sui vaccini da tutte le parti non è né l’uno né l’altro.

La prospettiva che la salute globale diventi una nuova arena per la competizione di potere globale e la rivalità dovrebbe preoccuparci tutti. Quali che siano i benefici che possono essere emersi da tali rivalità in passato, lo hanno fatto attraverso la rivalità cooperativa. La risposta globale a COVID-19 finora è stata tendenzialmente poco collaborativa e divisiva, incolpando o cercando di diffondere sfiducia.

Le complessità della salute globale e le esigenze dei miliardi esclusi dai benefici della scienza e dell’innovazione dei vaccini richiedono una risposta veramente globale. Se rispondere a COVID-19 porterà a una partnership più equa per la salute per tutti, o rafforzerà alcuni dei peggiori istinti mostrati durante lo scorso anno, determinerà non solo il corso di COVID-19, ma anche l’impatto della prossima epidemia su minacciano la salute globale e quelli che ne conseguono.

 

Traduzione dell’articolo ‘Vaccine diplomacy: how some countries are using COVID’ da ‘The Conversation’

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->