mercoledì, Giugno 23

Covid-19: Francis Fukuyama riflette su dove va il mondo Il Professore di Storia a Stanford vede nella pandemia il pericolo di una espansione indiscriminata del potere esecutivo che, se utile in una certa fase, poi dovrebbe essere ridimensionato quando l’emergenza è passata

0

Ha scritto ‘La fine della Storia e viene considerato uno dei politologi più famosi del mondo.

Francis Fukuyama è Professore di Storia a Stanford, nella Silicon Valley della tecnologica California. Di formazione liberale e di origini giapponesi, come si può facilmente arguire dal cognome, ha di recente fatto il ‘punto sul mondo’ in un’intervista rilasciata al ‘Corriere della Sera’.

Interessanti alcuni spunti come, ad esempio, la previsione che i nuovi poteri acquisiti da molti leader mondiali durante la pandemia non saranno facilmente restituiti anche quando l’emergenza sarà -se non superata- almeno attenuata.

Una tesi inquietante, ma logica e –come dire- abbastanza scontata. Ma è la prima volta che questa inquietudine che viene spesso associata erroneamente solo al populismo, viene rivestita di autorità accademica.

In effetti, le estensioni degli stati di emergenza si sono avuti, con diverse gradualità, in tutto il mondo. La Cina, che è stata l’origine della pandemia, ne è uscita (sembra) comprimendo ulteriormente i già limitati diritti civili.

In Italia il governo Conte è stato accusato, soprattutto nella prima fase, di un eccesso di potere e del continuo ricorso a Dpcm che non sono lo strumento migliore per una democrazia, anche se le circostanze eccezionali possono far derogare per un po’.

Fukuyama vede nel Covid-19 il pericolo di una espansione indiscriminata del potere esecutivo che, se utile in una certa fase, poi dovrebbe essere ridimensionato quando l’emergenza è passata.

Il Professore fa poi il punto sul conflitto arabo – israeliano sempre meno gestibile a causa dell’espansione degli insediamenti nei Territori occupati.

Di grande interesse l’analisi dell’utilizzo dei droni che ha permesso alla Turchia di assurgere a ruolo di potenza regionale, dopo aver acquisito per prima questa tecnologia da Usa e Israele.

Francis Fukuyama si è sempre interessato alle tematiche tecnologiche ed al loro profondo impatto sulla società.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->