venerdì, Maggio 7

Covid-19: drammatica situazione nelle carceri, che fare Presidente Mattarella? Da cittadini c’è solo da chiedere, con rispetto e fiducia: ‘Fino a quando?’. ‘Perché non ora?’

0

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella oltre che politico prudente, accorto, di consolidata esperienza, è giurista di solida formazione; e di quella speciale branca del diritto che è il Diritto Costituzionale. Della Costituzione è custode e difensore; ‘geloso’ custode e difensore, come si dice.

Il Presidente della Repubblica, proprio per il suo ‘essere’, per quello che rappresenta e incarna, conosce perfettamente i suoi doveri, le sue prerogative, i limiti, i binari entro deve e può condurre la sua azione. Sarebbe irrispettoso e stupido qualsivoglia tentativo, da parte di chiunque, cercare, come s’usa dire, di ‘tirarlo per la giacchetta’.

Il Presidente della Repubblica proprio in virtù del suo incarico e della sua sensibilità è certamente a conoscenza di quello che si agita e muove nei luoghi più critici del nostro Stato, le carceri; critici da sempre, proprio per quello che sono, e massimamente in questi giorni di emergenza pandemia.

Si può essere certi che il Presidente della Repubblica sa in che condizioni versano gli istituti quanto mai giustamente chiamati di ‘pena’; come vivono i detenuti, e non solo loro: gli agenti della polizia penitenziaria e l’intera comunità che ruota intorno alle carceri. Non c’è da dubitare sul fatto che sia a conoscenza dell’accorato appello del segretario della UILPA Polizia Penitenziaria. Gennarino De Fazio: “La Polizia penitenziaria, pur sottodimensionata negli organici, mal equipaggiata e decimata per le assenze connesse alla pandemia, sta consentendo di mantenere l’ordine e la sicurezza nelle carceri, anche sotto il profilo del contenimento dei rischi di diffusione del contagio da Coronavirus, venendo sottoposta a turni di servizio massacranti, ben al di là delle 36 ore settimanalmente previste. Lo fa con abnegazione e spirito di sacrificio e, siamo certi, lo farebbe anche senza remunerazione se il Paese in un momento emergenziale lo richiedesse. Ma, se il Governo stanzia fondi per il pagamento del lavoro straordinario delle Forze di Polizia e non vi ricomprende scientificamente e ripetutamente la Polizia penitenziaria, è evidente che si è di fronte a una tracotanza istituzionale inaccettabile”.

  Il Presidente della Repubblica è certamente a conoscenza, e indubbiamente segue l’evoluzione dello sciopero della famedi dialogo e speranza’, intrapreso dalle radicali Rita Bernardini e Irene Testa, e a rotazione da decine di altre persone, iscritte e non al Partito Radicale, per sollecitare il Governo a intraprendere provvedimenti urgenti, necessari e doverosi se si vuole rispettare il dettato costituzionale. E’ certamente a conoscenza del fatto che analoghe iniziative, lodevolmente nonviolente, sono in corso in molte carceri da parte di detenuti.

  Il Presidente della Repubblica avrà certo letto con partecipata emozione l’appello che Luigi Manconi, Roberto Saviano, Sandro Veronesi, hanno rivolto alla classe politica, attraverso un unico testo, pubblicato simultaneamente su tre prestigiosi quotidiani: ‘La Stampa’; ‘La Repubblica’, ‘Il Corriere della Sera’.

  Il Presidente della Repubblica avrà preso nota che ufficialmente sono stati censiti come contagiati dal Covid 897 detenuti e più di un migliaio di operatori penitenziari; e che dunque lascia perplessa la risposta del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede nel corso di un question time della Camera: tutto sotto controllo, il protocollo sanitario viene applicato e comunque la maggior parte dei contagiati sono asintomatici.

  Il Presidente della Repubblica sarà certamente stato avvertito delle criticità in carceri come quelle di Tolmezzo, di Opera-Milano, Sulmona e altri istituti di pena.

  Il Presidente della Repubblica sa bene che i luoghi chiusi e affollati sono letteralmente bombe sanitarie; se mancano gli spazi per attuare i protocolli e fare quindi gli isolamenti necessari, il contagio fatalmente si diffonde. I reclusi anziani e con gravi patologie sono quelli più vulnerabili e le carceri, perfino i luoghi considerati sicuri come il 41 bis, non sono in grado di proteggerli. Già si contano i primi morti.

  Proprio per questo oltre cento studiosi hanno deciso, in queste ore, di unirsi alla iniziativa di Rita Bernardini, e degli altri digiunatori. Sono personalità del mondo accademico, docenti e studiosi di diritto penale e penitenziario, hanno sottoscritto un documento (primi firmatari Giovanni Fiandaca dell’Università di Palermo e Massimo Donini dell’Università di Modena e Reggio Emilia), e chiedono al governo  “provvedimenti idonei a ridurre il più possibile il sovraffollamento delle carceri italianeCome studiosi siamo particolarmente sensibili a due principi: il primo è l’umanizzazione della pena, con un livello accettabile di protezione dei diritti dei detenuti, tra i quali prioritario il diritto alla salute“.

  Ecco: il Presidente della Repubblica Mattarella queste cose le sa, e non c’è necessità alcuna di ricordargliele, di ‘tirarlo per la giacchetta’. Da cittadini c’è solo da chiedere, con rispetto e fiducia: ‘Fino a quando?’. ‘Perché non ora?’. ‘Un messaggio nelle forme ritenute le più idonee, non sarebbe opportuno, necessario, urgente?’. 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->