sabato, Settembre 25

Covid-19: cosa sappiamo della variante Mu? L’analisi di Luke O'Neill, chimico della Trinity College Dublin

0

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha aggiunto un’altra variante del coronavirus alla sua lista da monitorare. Si chiama variante mu ed è stata designata come variante di interesse (VOI). Ciò significa che la mu ha differenze genetiche con le altre varianti note e sta causando infezioni in più Paesi, quindi potrebbe rappresentare una minaccia particolare per la salute pubblica.

È possibile che i cambiamenti genetici della mu la rendano più trasmissibile, le permettano di causare malattie più gravi e la rendano più in grado di sfuggire alla risposta immunitaria guidata da vaccini o infezioni con varianti precedenti. Questo a sua volta potrebbe renderla meno suscettibile ai trattamenti.

Nota la parola potrebbe. Una VOI non è una variante di preoccupazione (VOC), che è una variante che ha dimostrato di acquisire una di quelle caratteristiche, rendendola più pericolosa e quindi più consequenziale. Mu viene monitorata da vicino per vedere se dovrebbe essere ridesignato come VOC. Dobbiamo sperare di no.

Ci sono altri quattro VOI controllate dall’OMS – eta, iota, kappa e lambda – ma nessuno di questi è stato riclassificato come VOC. Potrebbe essere il caso anche di mu, ma dobbiamo attendere ulteriori dati.

Ciò che rende mu particolarmente interessante (e preoccupante) è che ha quella che l’OMS chiama una ‘costellazione di mutazioni che indicano potenziali proprietà di fuga immunitaria’. In altre parole, ha le caratteristiche di essere in grado di aggirare la protezione vaccinale esistente.

Dove si sta diffondendo?

Mu è stato visto per la prima volta in Colombia nel gennaio 2021, quando gli è stata data la designazione B1621. Da allora è stato rilevata in 40 Paesi, ma si ritiene che attualmente sia responsabile solo dello 0,1% delle infezioni a livello globale.

Mu è molto più diffusa in Colombia che altrove. Quando si esaminano i campioni di coronavirus che sono stati sequenziati geneticamente, il 39% di quelli analizzati in Colombia sono stati mu, sebbene non siano stati registrati campioni di mu nelle ultime quattro settimane.

Al contrario, il 13% dei campioni analizzati in Ecuador è risultato mu, con la variante che ha costituito il 9% dei campioni sequenziati nelle ultime quattro settimane, mentre in Cile poco meno del 40% dei campioni sequenziati è risultato mu nelle ultime quattro settimane. Ciò suggerisce che il virus non circola più in Colombia, ma si sta trasmettendo in altri Paesi sudamericani vicini.

Finora, 45 casi sono stati identificati nel Regno Unito attraverso l’analisi genetica e sembra che provenissero dall’estero. Tuttavia, poiché non tutti i casi di COVID-19 finiscono per essere sequenziati per vedere quale variante sono, è possibile che la prevalenza di mu nel Regno Unito possa essere maggiore.

Quanto è pericoloso?

Le domande chiave sono se mu sia più trasmissibile rispetto alla variante attualmente dominante, delta, e se possa causare malattie più gravi.

Mu ha una mutazione chiamata P681H, segnalata per la prima volta nella variante alfa, che è potenzialmente responsabile di una trasmissione più rapida. Tuttavia, questo studio è ancora in fase di prestampa, il che significa che i suoi risultati devono ancora essere formalmente esaminati da altri scienziati. Non possiamo ancora essere sicuri degli effetti di P681H sul comportamento del virus.

Mu ha anche le mutazioni E484K e K417N, che sono associate alla capacità di eludere gli anticorpi contro il coronavirus: le prove su questo sono più concrete. Queste mutazioni si verificano anche nella variante beta, quindi è possibile che mu possa comportarsi come beta, contro cui alcuni vaccini sono meno efficaci.

Mu ha anche altre mutazioni – tra cui R346K e Y144T – le cui conseguenze sono sconosciute, da qui la necessità di ulteriori analisi.

Ma può davvero eludere l’immunità preesistente? Finora ci sono solo informazioni limitate su questo, con uno studio di un laboratorio di Roma che mostra che il vaccino Pfizer/BioNTech era meno efficace contro il mu rispetto ad altre varianti quando testato in un esperimento di laboratorio. Nonostante ciò, lo studio considerava ancora robusta la protezione offerta contro la mu dal vaccino. In realtà, non sappiamo ancora se le mutazioni di mu si tradurranno in un aumento delle infezioni e delle malattie.

Tuttavia, sono apparsi rapporti sorprendenti su mu. Alla fine di luglio, un’agenzia di notizie in Florida ha riferito che il 10% dei campioni sequenziati all’Università di Miami erano mu. All’inizio di agosto, Reuters ha riferito che sette residenti completamente vaccinati di una casa di cura in Belgio erano morti a causa di un’epidemia di mu. Tuttavia, queste sono istantanee limitate del comportamento della variante.

Cosa succede dopo?

Mu è la prima nuova variante ad essere aggiunta alla lista dell’OMS da giugno.

Quando una variante viene designata di interesse, l’OMS effettua un’analisi comparativa delle caratteristiche della nuova variante, valutando come si confronta con altre che sono anche monitorate, chiedendo ai propri Stati membri di raccogliere informazioni sull’incidenza e sugli effetti della variante. Questo è attualmente in corso e significa che Public Health England lo sta tenendo d’occhio.

La designazione di mu come VOI riflette la diffusa preoccupazione sulla possibilità che emergano nuove varianti che potrebbero rivelarsi problematiche. La variante delta più trasmissibile che sta prendendo piede in molti Paesi, specialmente tra i non vaccinati, mostra quanto velocemente e in modo significativo le varianti virali possano cambiare il corso della pandemia.

Ogni volta che il virus si riproduce all’interno di qualcuno c’è la possibilità che muti e che emerga una nuova variante. Questo è un gioco di numeri. È un processo casuale, un po’ come tirare i dadi. Più tiri, maggiore è la possibilità che appaiano nuove varianti. Il modo principale per fermare le varianti è la vaccinazione globale.

L’emergere di mu ci ricorda quanto sia importante quell’obiettivo. Molte persone, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, rimangono non vaccinate. Dobbiamo portare i vaccini in questi Paesi il più rapidamente possibile, sia per aiutare le persone vulnerabili, ma anche per impedire l’emergere di nuove varianti. Altrimenti, la nostra uscita dalla pandemia sarà ritardata, forse per mesi interi.

 

 

Traduzione dell’articolo ‘Mu: everything you need to know about the new coronavirus variant of interest’

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->