lunedì, Ottobre 25

Covid-19: cari leader mondiali, fate la storia! Salvateci Se vogliamo sconfiggere il virus, dobbiamo applicare il meccanismo di difesa più efficace della nostra specie: l'intelligenza collettiva ll virus si estinguerà solo se noi tutti restiamo fermi contemporaneamente

0

La conversazione in corso sulle deroghe ai brevetti del vaccino COVID-19 è, nella migliore delle ipotesi, simbolica; nel peggiore dei casi, demagogica.
Anche se un milione di laboratori in tutto il mondo avessero i mezzi, il know-how e le materie prime, cosa che non hanno; e fossero in grado, in qualche modo, di superare le prove e di avere successo, resta il fatto che il virus continuerà a mutare e i vaccini non raggiungeranno mai la popolazione mondiale in tempo.
Ci saranno nuovi virus a RNA, ognuno più veloce e letale. Semplicemente non siamo in grado di produrre e distribuire antidoti abbastanza velocemente; anche se i brevetti venissero rilasciati, questa corsa frenetica è inutile.
Se vogliamo sconfiggere il virus, dobbiamo applicare il meccanismo di difesa più efficace della nostra specie: l’intelligenza collettiva.
È gratuito, sicuro e universale.

Il virus si estinguerà solo se noi (a) tutti (b) restiamo fermi (c) contemporaneamente. Ciò che è necessario, quindi, è una concordia internazionale con la quale tutti i governi accettino un blocco globale, un lockdown completo e simultaneo per almeno quindici giorni, forse venti.
Tutte le economie devono arrestarsi contemporaneamente.

Ciò significa chiudere i mercati finanziari, le transazioni bancarie, la guerra; rinvio di manifestazioni sportive, concerti, svuotamento di parchi, televisori e redazioni. Nessun programma televisivo o radiofonico in diretta, a meno che non trasmettano a distanza dalle case dei giornalisti. Chiudere le frontiere, i trasporti, le scuole, i negozi, le attività, eccetto gli ospedali e la consegna di cibo. Inoltre, piattaforme di intrattenimento come Netflix o HBO farebbero bene a liberare l’accesso durante questo periodo: una prova gratuita universale, codice VICTORY. Il blocco definitivo.

Questo potrebbe farci guadagnare tempo, tempo prezioso, abbastanza per evitare Doomsday -il giorno del giudizio. Potremmo persino ripristinare alcuni dei danni causati all’ambiente, portare più vaccini dove sono disperatamente necessari, e portare più persone al sicuro.

Cari leader mondiali, Angela Merkel, Vladimir Putin, Joe Biden, Macron, Trudeau; Onu, ufficiali della NATO: premete subito il pulsante verde. Fate la storia. Salvateci!

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Sociologa all'Università di Buenos Aires, professore di Scienze economiche e politiche della Facoltà di Design e Comunicazione dell'Università di Palermo (Buenos Aires), e analista politico collaboratrice di molte testate, tra le quali ‘Le Monde Diplomatique’ e ‘Clarín’

End Comment -->